Notizie di Ravenna su cronaca, politica, cultura

Mercoledì 28 Settembre 2016

faenza

E il consiglio approva odg per la famiglia
naturale e contro l'educazione sessuale

Bufera sul sindaco Malpezzi che vota con una parte del Pd
insieme alla destra. Il deputato Paglia: «Roba da Medio Evo...»

Bufera sul consiglio comunale di Faenza che nella serata di lunedì, 15 dicembre, ha approvato a sorpresa (come si è fatto scappare anche lo stesso proponente) un ordine del giorno di Jorick Bernardi di Forza Italia. Un ordine del giorno tramite il quale il il consiglio dichiara «la propria opposizione a qualunque tentativo di comprimere i diritti e i doveri dei genitori all'educazione dei propri figli e di ignorare l'interesse superiore dei minori a vivere, crescere e svilupparsi all'interno della propria famiglia naturale» e che impegna l'amministrazione comunale di Faenza addirittura a «chiedere alla Regione l'organizzazione della "Festa della famiglia naturale" fondata sull'unione fra uomo e donna, promuovendone, sia direttamente che indirettamente, attraverso scuole, associazioni ed enti locali, la valorizzazione dei principi culturali, educativi e sociali» e a «chiedere al Governo centrale la non applicazione del Documento Standard per l'educazione sessuale in Europa (che ne prevede l'insegnamento ai bambini, ndr), redatto dall'ufficio europeo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità». Infine l'ordine del giorno invita la giunta comunale a introdurre «il "Fattore Famiglia" quale criterio di sostegno alle politiche attive e passive al reddito delle famiglie faentine».

Il documento è stato approvato grazie al voto favorevole del sindaco Giovanni Malpezzi (che nel corso del suo intervento ha imposto però di emendare l'odg di tutte le premesse) e di sei consiglieri comunali del Pd (compresa la neo consigliera regionale Manuela Rontini) che hanno votato così insieme al centrodestra (per un totale di 14 voti a favore), mentre sette consiglieri del Pd hanno votato contro, tra cui il segretario comunale e il capogruppo (per un totale di 9 voti contrari, considerando anche quelli di un indipendente e di un grillino).

La notizia è rimbalzata inizialmente sui social network grazie al giornalista, politico è attivista per i diritti Lgbt Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, che ha definito semplicemente l'odg orribile, accusando il sindaco Malpezzi di aver votato a favore di un tipo di documenti che lo stesso Pd «ha contrastato in tutta Italia, perché promossi dalla parte più retriva della destra italiana». Sono poi arrivate da più parti accuse di omofobia al Partito democratico, mentre ha criticato l'approvazione dell'odg anche il deputato ravennate di Sel, Giovanni Paglia, che sempre su Facebook riporta il testo integrale dell'Odg, «perché ogni riga va letta, se si vuole comprendere a che punto si possa scendere quando si guarda il presente con le lenti del Medio Evo e quando un partito (il Pd, ndr) perde ogni legame minimo con qualsiasi cultura politica liberale, se non progressista». Paglia conclude sottolineando che rispetto a cose così «ci troverete sempre dalla parte opposta e contraria, quella dei diritti e dell'amore».

16 - 12 - 2014
© riproduzione riservata

commenti

Regan 17 Dicembre 2014
Maltrattamenti, violenze, omicidi che coinvolgono donne e bambini, suicidi...............tutto questo accade all'interno delle famiglie. E per fortuna che la famiglia è un'istituzione naturale aperta alla trasmissione della vita. Chi sa cosa sarebbe successo se la famiglia fosse stata un'istituzione naturale poco aperta alla trasmissione della vita.................Sono contrari alle ideologie ma se non è ideologia questa...............................

Eric 17 Dicembre 2014
Anche io sono contrario nel comprimere il diritto-dovere di educazione che i genitori hanno nei confronti dei propri figli ma una domanda sorge spontanea: qual è, nella mente di questi signori il concetto di educazione? Educazione alla diffidenza? Educazione allo stigma del diverso? Educazione all'intolleranza delle differenze? Educazione all'odio nel prossimo? Evidentemente sì, perché altrimenti non si spiega come possano ritenere che l'esistenza di persone omosessuali, di coppie omosessuali e di relative famiglie costituisca una "compressione dei diritti dei genitori". Beh, io credo che i genitori non dovrebbero sentirsi liberi di impartire questa pseudo-educazione ai loro figli...ma visto che legalmente lo sono, trovo che lo Stato (e tutti i suoi enti) dovrebbero per lo meno scoraggiarli dal farlo, non incitarli. Insegnare ai propri figli il valore della diversità è un optional, ma insegnare loro quanto meno la tolleranza dovrebbe essere un dovere morale. Per il resto, è davvero incredibile il passaggio in cui si afferma che tale vergognoso documento sarebbe atto a garantire "l'interesse superiore dei minori a vivere, crescere e svilupparsi all'interno della propria famiglia naturale". Che ai consiglieri comunali di Faenza piaccia o meno, non esistono famiglie innaturali (essere sufficientemente ignoranti da credere che l'omosessualità e l'omogenitorialità siano innaturali non è una scusante) semmai famiglie diverse. E, sempre che gli piaccia o meno, ci sono già molti bambini che crescono in tali famiglie diverse. Questo ODG discrimina pure loro ma evidentemente ci sono bambini più 'naturali di altri'. Sono disgustato dal fatto che in Italia esistano amministrazioni che si permettono di approvare atti del genere. E sebbene la gravità sia uguale per tutti, non riesco a non concentrarmi sul fatto che mezzo PD abbia supportato quell'abominio. In mezza europa verrebbe considerato, giustamente, un partito reazionario. Il mio gruppo di amici ed io stavamo organizzando un viaggio a Ravenna e Faenza per far visita alle bellezze delle città ma visto che tra noi dieci siamo gay in due proporrò di limitare il tutto a Ravenna. Se il Consiglio comunale di Faenza disprezza la nostra esistenza, suppongo disprezzi pure i nostri soldi e quelli dei nostri amici.

RockinInTheFreeWorld 17 Dicembre 2014
ahahahahah...pensavo fossimo messi male a Ravenna, ma a Faenza è pure peggio. Va bè, cazzi loro: se lo sono pure scelto con le primarie 'sto fenomeno.

RockinInTheFreeWorld 17 Dicembre 2014
Ah!, pure la Rontini che mi ha messo un messaggio elettorale nella buca della posta per le regionali...appena l'ho vista l'ho "battezzata": faccia da baciapile se mai ve ne fu una...

Pau 17 Dicembre 2014
Il contenuto è vomitevole. La forma ........ pure.

Glauco77 17 Dicembre 2014
Se non sbaglio ne sta arrivando uno simile a Ravenna proposto dal gruppo ........

Filo9 17 Dicembre 2014
Che pena. Ma con che faccia si presentano in giro, questi pseudo politici?

blondie 17 Dicembre 2014
Sempre peggio. Senza speranza. Chissà se anche a Ravenna passerà...

Ric 17 Dicembre 2014
Ma si sono bevuti il cervello??? Già per colpa dei chiesaioli l'educazione sessuale in Italia fa ridere... Ora vogliono pure ignorare le indicazioni dell'OMS! Non meritano di rivestire una carica pubblica.

Signo 17 Dicembre 2014
La domanda che mi faccio è: a chi strizzano l'occhiolino con questi provvedimenti ? Ci sono veramente persone comuni che sono felici che un abominio del genere sia attuato ? Chi sono ? Ma allora è vero che la storia si ripete e un giorno avremo di nuovo gli autobus per i neri, e/o la prigione per i gay?

ribaldo 17 Dicembre 2014
Cattomentecatti.

venus1944 17 Dicembre 2014
Secondo me il Consiglio Comunale si deve occupare di fogne, strade, merctai,scuole, e di tutto quanto attiene strettamente alla citta'.....Non sono capaci di fare neanche quello. perché perdono tempo su questioni di principio?Come ad esempio le cittadinanze onorarie e gli ordini del giorno...

ElfoDelBostik 17 Dicembre 2014
@Venus1944 Ma scusa, se non sono in grado di amministrare una citta' come vuoi che giustifichino il tempo passato in ufficio se non attaccandosi sulle questioni di principio ?

bruno eumeme moroni 17 Dicembre 2014
Egregio Sindaco Malpezzi, le scrivo questa lettera aperta come presidente di Arcigay Ravenna. sono rimasto profondamente mortificato nel vedere approvato dalla sua Giunta (di Sinistra!?) il famigerato ODG della Regione Lombardia, che passò con i voti di Lega, Ncd, Forza Italia, Lista Maroni e Fratelli d’Italia: come è potuto succedere? http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/02/diritti-gay-per-la-regione-lombardia-esistono-solo-le-famiglie-naturali/1046658/ Si rende conto che con questo abominio incostituzionale Lei - Sindaco di TUTTI i CITTADINI E LE CITTADINE DI FAENZA - discrimina le persone LGBTI (Lesbiche, Gay, Bisex, Transgender, Intersex) ed i loro figli? Non le è apparso chiaro che una festa che celebra la sola “famiglia naturale” è discriminatoria quanto una festa pubblica per le sole “famiglie bianche” o per le sole “famiglie non divorziate”? Si rende conto che l'educazione civica nelle scuole, volta ad insegnare a rispettare il diverso da sé, discende direttamente dall’art. 3 della costituzione, “per rimuovere gli ostacoli ” in modo da garantire il diritto allo studio a tutte le minoranze vessate da razzismo, xenofobia, antisemitismo, islamofobia, omotransfobia o da altre causa di discriminazione e bullismo? Cosa non le è chiaro nell'art. 3 della Costituzione quando afferma che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” che impegna la Repubblica a "rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana"? Dov’era la mia dignità sociale, la mia libertà e la mia uguaglianza quando, adolescente, ho dovuto nascondere la scoperta di essere omosessuale per non rischiare l’esclusione sociale? Nessuno a scuola mi fece capire che ero normale, che non ero l’unico al mondo e che era il mondo ad essere “sbagliato” visto che mi discriminava. Ci furono invece insegnanti che si prodigarono a dirmi che gli omosessuali sono persone malate e pervertiti da cui stare alla larga. Per questo senso di isolamento, frustrazione e inadeguatezza ho pensato varie volte al suicidio all’epoca. Per queste stesse ragioni oggi faccio l’attivista LGBTI e per i diritti umani - non voglio che altri debbano continuare a soffrire per ciò che scoprono di essere! E invece la sua giunta approva un ODG che - se applicato - continuerebbe ad isolare, nascondere e a far soffrire in silenzio gli studenti LGBTI come accadeva 40 anni fa. Negando l’accesso all’informazione scientifica che spiega come eterosessualità, bisessualità ed omosessualità siano solo varianti naturali dell'orientamento sessuale/affettivo/amoroso, che il proprio orientamento si scopre e non si può scegliere e che è perfettamente normale scoprirsi omosessuali o bisessuali. Così come l'essere destri, mancini e ambidestri rappresentano solo varianti naturali dell'abilità manuale e non c'è nulla di anormale nell'essere mancini (come invece la superstizione imponeva una volta, quando la mano sinistra era la mano del diavolo, i mancini erano chiamati invertiti e da bambini venivano corretti con la forza: le ricorda qualcosa?) Può inoltre spiegarci in che modo le esistenti famiglie omosessuali ed i loro figli creano un problema alle famiglie eterosessuali? Si rende conto che il vero obiettivo di questo ODG è continuare a permettere alle famiglie di trasmettere indisturbate ai figli l’omofobia e la transfobia, in modo da instillargli il pregiudizio che è “anormale”, “sbagliato”, “malato”, “depravato” essere LGBTI? Infine ci spiega come fa a credere alla falsa premessa che "la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo ed una donna rappresenta l’istituzione naturale aperta alla trasmissione della vita e l’unico adeguato ambito sociale in cui possono essere accolti i minori in difficoltà, anche attraverso, in casi estremi, gli istituti dell’affidamento e dell’adozione" su cui si basa tutto il castello di carte, nonostante sia smentita dal senso comune, dalla nostra Corte Suprema e dalla ricerca scientifica? Il senso comune lo può trovare nelle belle parole del segretario provinciale del PD Michele de Pascale che condivido pienamente: “Personalmente conosco un'unica definizione di famiglia naturale. Una famiglia è "naturale" quando è fondata sull'amore e sul rispetto.” Nella sentenza definitiva 601/2013 la Corte Suprema di Cassazione ha detto: "un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia omosessuale perché si tratta di un "mero pregiudizio" sostenere che "sia dannoso per l'equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale". http://www.repubblica.it/cronaca/2013/01/11/news/cassazione_bimbo_pu_crescere_bene_anche_in_famiglia_omosessuale-50330615/ Le associazioni di Psicologi Italiani e Internazionali hanno dichiarato: "...In particolare, la ricerca psicologica ha messo in evidenza che ciò che è importante per il benessere dei bambini è la qualità dell’ambiente familiare che i genitori forniscono loro, indipendentemente dal fatto che essi siano conviventi, separati, risposati, single, dello stesso sesso. I bambini hanno bisogno di adulti in grado di garantire loro cura e protezione, insegnare il senso del limite, favorire tanto l’esperienza dell’appartenenza quanto quella dell’autonomia, negoziare conflitti e divergenze, superare incertezze e paure, sviluppare competenze emotive e sociali”. Su questi temi la comunità scientifica è unanime. L’Associazione Italiana di Psicologia ancora una volta invita i responsabili delle istituzioni politiche a tenere in considerazione i risultati che la ricerca scientifica ha prodotto e messo a disposizione della società e si facciano promotori del rispetto delle persone e della corretta divulgazione scientifica evitando di esprimere asserzioni infondate che hanno il solo risultato di rinforzare i pregiudizi e danneggiare le famiglie mono-genitoriali, le coppie omosessuali e soprattutto i loro bambini. " http://www.francescavecchioni.com/sito/omogenitorialita-e-stato-della-ricerca/ Sono convinto caro Sindaco che lei sia vittima di un abbaglio per il quale non ha potuto rendersi conto di tutte le implicazioni discriminatorie e vessatorie che il vostro ODG produce. Ci dia l’opportunità di intervenire in merito in Comune per far comprendere al Consiglio e alla Giunta come sia invece necessario adottare politiche inclusive verso le persone discriminate: riduce le tensioni sociali e produce benessere per tutti tranne che per chi "rosica" quando altri vengono trattati da uguali, ma sono certo che lei non appartenga a questa categoria di persone! il video sotto è finanziato da loro! ;) https://www.youtube.com/watch?v=zpICYcKurAY

bruno eumeme moroni 17 Dicembre 2014
la lettera si legge meglio qua: http://fridabyron.org/2014/12/17/scandalo_istituzionalizzata_omofobia_faenza/

lascia un commento

Non ti sei ancora registrato? Registrati ora e lasciaci il tuo commento.

Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Copia qui questo codice* :2807

 

I campi con * sono obbligatori.
Registrandomi accetto le condizioni d'uso di Ravenna & Dintorni.

 

Accedi con il tuo account

Email
Password

Password dimenticata?
Inserisci qui sotto la tua mail e premi il pulsante Recupera

Email

 
Copyright © Reclam Edizioni & Comunicazione - Viale della Lirica, 43 - 48124 Ravenna - www.reclam.ra.it
Credits: progetto e sviluppo di G&M Network Srl - Filosofia e Tecnologia Web - www.gemnetwork.it