Notizie di Ravenna su cronaca, politica, cultura

Giovedì 23 Marzo 2017

il centro che cambia

Fasci di luce in piazza, cantieri decorati
e sosta a pagamento solo fino alle 18.30

Panoramica degli interventi più attesi nel cuore di Ravenna. Al via i lavori al parcheggio ex Aci ma con posti auto dimezzati: da 130 a 76

di Luca Manservisi

Cantiere Mercato CopertoTra il 2016 e il 2017 si completeranno alcuni interventi fondamentali nel centro storico di Ravenna, che già in questi anni ha cambiato un po’ volto con la riapertura della piazzetta delle Poste (ora dell’Unità d’Italia), il restauro di palazzo Rasponi (per cui però non è stata ancora individuata una destinazione precisa) e soprattutto la recente chiusura del parcheggio di piazza Kennedy.
Abbiamo fatto il punto con Roberto Fagnani, neoassessore ai Lavori pubblici del Comune (ha sostituito il compianto Enrico Liverani a inizio dicembre), che in questi giorni ha dovuto affrontare la sua prima grana, proprio nella piazza centrale.


Fasci di luce in piazza del Popolo. Il riferimento è alla clamorosa caduta di un lampione nel salotto buono della città, in piazza del Popolo, dello scorso 11 gennaio. Il Comune per quell'incidente – sottolinea l’assessore – ha subito inviato una contestazione formale alla Cpl Concordia – la coop emiliana che nel 2013 si aggiudicò l'appalto ventennale da 38 milioni di euro per la pubblica illuminazione – e già il giorno dopo l’incidente ha disposto la verifica degli altri pali presenti in piazza, constatando incredibilmente come altri 7 (sui 10 totali) non fossero da considerare sicuri. Verranno quindi rimossi entro trenta giorni e in piazza ne resteranno così solo due. «Stiamo studiando un piano per garantire l’illuminazine provvisoria – spiega Fagnani – e allo stesso tempo stiamo iniziando a progettare la nuova illuminazione: personalmente mi piace l’idea dei fasci luminosi, vedremo se sarà compatibile dal punto di vista tecnico, economico e con i vincoli della Soprintendenza». In pratica si tratterebbe di una mini rivoluzione in orari serali, con l’illuminazione che proverrebbe direttamente dagli edifici affacciati sulla piazza, senza più lampioni.


Una piazza archeologica? Forse. Il cantiere di piazza Kennedy verrà ricordato soprattutto per i ritrovamenti dei reperti della chiesa di Sant’Agnese. Ma resteranno nella nuova piazza? A sentire il sindaco Fabrizio Matteucci sì, di certo. Ma il suo mandato è in scadenza e il candidato del Pd Michele De Pascale, per esempio, rispondendo alle nostre domande sull’ultimo numero del giornale si è rimesso alle decisioni della Soprintendenza, senza fare alcun tipo di promessa. E anche Fagnani fa intendere, pur senza dichiararlo espressamente, che se non dovessero essere ritrovati reperti di valore e la Soprintendenza fosse d’accordo, si potrebbe anche richiudere lo scavo. «Siamo in attesa di capire, in collaborazione con gli addetti ai lavori, quale sarà il futuro dei reperti archeologici, anche in virtù del loro valore – dice Fagnani –. Ma per il cantiere vogliamo comunque rispettare i tempi di realizzazione». L’ipotesi più probabile è quindi quella che in giugno la nuova piazza Kennedy pedonale possa essere pronta per l'inaugurazione, ma che resti un piccolo cantiere nella zona dei reperti di Sant’Agnese, per cui potrebbe essere studiato un progetto ad hoc di valorizzazione, da realizzare più avanti nel tempo.


Il mercato coperto. Già iniziati i primi lavori interni, a brevissimo partirà a tutti gli effetti l’altro cantiere più atteso del centro di Ravenna, quello del mercato coperto, che porterà alla riapertura nella primavera-estate del 2017 di una struttura totalmente rinnovata, su due piani, con birreria artigianale, punti ristoro, prodotti tipici, piccolo supermercato e spazi per eventi culturali. La struttura verrà quindi del tutto recintata e coperta, anche per proteggere i fregi esterni, e Fagnani sta pensando a un modo per evitare che il cantiere diventi un brutto biglietto da visita in pieno centro storico. «Saranno lavori lunghi, per questo voglio parlare con la ditta per cercare di abbellire il cantiere esternamente, con decorazioni magari sulla stessa Ravenna», dice l'assessore, pensando quindi a una sorta di autopromozione dei gioielli della città.


Cantiere ex cinema RomaGli altri cantieri. Proseguono poi anche in questi giorni gli altri cantieri per interventi di riqualificazione importanti come quello sulla centralissima via Cavour, a palazzo Guiccioli, dove apriranno nel 2017 i due musei già annunciati (quello del Risorgimento e quello dedicato a Lord Byron) oltre ad attività commerciali e locali pubblici (per un investimento da 11 milioni di euro da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna). All’ex cinema Roma tra le vie Lolli e Bixio, invece, procedono i lavori della Curia (complessivamente un progetto da circa 3 milioni di euro) per realizzare la nuova Bi­blioteca e l’Archivio Diocesano, comprendente il millenario Archivio Arci­vescovile. È prevista la realizzazione dell’archivio librario, una sala consultazione, un'emeroteca, una sala fondi antichi e di vari uffici. I lavori potrebbero finire entro l’anno con l’inaugurazione che è possibile prevedere anche in questo caso nei primi mesi del 2017.


Parcheggi. Sono partiti lunedì 18 gennaio i lavori al parcheggio ex Aci di via Port’Aurea, a pochi passi da piazza Duomo, ultimo tassello del piano che l’Amministrazione comunale ha studiato come alternativa ai 130 posti auto andati persi con la chiusura di piazza Kennedy. Chiuso da agosto, il parcheggio di via Port'Aurea sarà pronto al termine di un cantiere di 40 giorni lavorativi (quindi indicativamente a metà marzo) e rispetto a prima (l’Aci l’ha gestito per circa un quarto di secolo) sarà pubblico a tutti gli effetti, aperto 24 ore su 24 tutti i giorni, festivi naturalmente compresi. Ma la brutta notizia (per gli automobilisti in cerca di posti liberi) è che per adeguare l’area alle normative più recenti, i posti auto verranno quasi dimezzati, passando dai circa 130 disponibili fino alla scorsa estate a 76. Ancora incerto invece il futuro dell’ex caserma Alighieri, dove il Comune ha previsto di realizzare alcune centinaia di posti auto (anche se ora pare meno dei 400 inizialmente annunciati) ma non è ancora riuscito, suo malgrado, a entrare in possesso dell’area, di proprietà del ministero della Difesa ma con cui è già stato firmato un protocollo di massima, ora rallentato a quanto pare da mere questioni burocratiche. Circa metà dei 10mila metri quadrati dell’ex caserma sono inoltre edificabili e secondo i piani del Comune verranno venduti a privati per farne attività commerciali e residenziale.


Parcheggio ex Aci via Port'AureaE in centro i parcometri chiudono prima. Cantieri a parte, la novità più imminente per il centro di Ravenna è quella legata alla sosta: dal 1 febbraio infatti partirà la sperimentazione che vedrà i parcheggi restare a pagamento solo dalle 8 alle 18.30 e non più fino alle 20 come da abitudine. «Stiamo inoltre studiando abbonamenti per la sosta – conclude l’assessore Fagnani – e soluzioni innovative per l’accesso nelle Ztl per commercianti ma anche per residenti e loro eventuali ospiti».

23 - 01 - 2016
© riproduzione riservata

commenti

lascia un commento

Non ti sei ancora registrato? Registrati ora e lasciaci il tuo commento.

Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Copia qui questo codice* :2227

 

I campi con * sono obbligatori.
Registrandomi accetto le condizioni d'uso di Ravenna & Dintorni.

 

Accedi con il tuo account

Email
Password

Password dimenticata?
Inserisci qui sotto la tua mail e premi il pulsante Recupera

Email

 
Copyright © Reclam Edizioni & Comunicazione - Viale della Lirica, 43 - 48124 Ravenna - www.reclam.ra.it
Credits: progetto e sviluppo di G&M Network Srl - Filosofia e Tecnologia Web - www.gemnetwork.it