Notizie di Ravenna su cronaca, politica, cultura

Martedì 28 Marzo 2017

Verso il referendum

«Le trivelle non sono la causa
principale di erosione e subsidenza»

L'associazione Paguro interviene contro «demagogia e falsità»
Questioni ambientali? «Sotto le piattaforme habitat straordinari»

«Non è corretto attribuire all’estrazione del metano dal sottosuolo la causa dell’erosione marina della costa e della subsidenza». L’associazione Paguro, che da vent’anni gestisce e organizza le escursioni subacquee al relitto della piattaforma Paguro inabissatasi cinquant’anni fa, si schiera a difesa delle piattaforme metanifere con una lettera aperta firmata dal presidente Giovanni Fucci e intitolata “No alla demagogia e alle falsità”.

Nel territorio marino prospicente la Regione Emilia Romagna – fa sapere l’associazione – sono presenti circa 50 piattaforme per estrazione di metano e dieci sono in fase di dismissione e demolizione, non sono presenti piattaforme per estrazione di petrolio: «Riteniamo opportuno chiarire lo stato dell’arte in merito alle piattaforme offshore presenti nell’Alto Adriatico, anche alla luce delle distorsioni e falsità apparse nelle settimane scorse». Anche in previsione del 17 aprile quando si andrà a votare per il referendum sul tema : «È bene chiarire che il quesito è sulla durata delle esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti già concessi».

Erosione: «Il fattore primario dell’erosione – scrive il Paguro – è relativo alla totale assenza di apporto di sabbia dai fiumi perchè prelevata a fini industriali per l’edilizia. È oggettivo che duemila anni fa la spiaggia era a Classe ed oggi si trova a 12 km di distanza. È oggettivo che negli ultimi 30 anni a causa degli sbarramenti sui fiumi, per utilizzare l’acqua per l’agricoltura, e del prelievo delle sabbie, lungo la costa la fascia di sabbia è passata da 3 km del 1970 agli attuali 300 metri. Poi, per tutelare la legittima industria del turismo ogni 4/5 anni preleviamo milioni di mc di sabbia dai fondali marini per realizzare il ripascimento delle spiagge. Tutto legittimo, ma è questa la scala dei valori? È proprio obbligatorio perseverare con queste metodiche, oppure è opportuno riflettere per una diversa scala di valori e scelte di tutela del territorio?».

Subsidenza: «Se qualcuno vuole approfondire il tema potrebbe leggersi il volumioso lavoro effettuato dall’Arpa Emilia Romagna che evidenzia come ben altre siano le cause della subsidenza ed in particolare in territori ove non esistono strutture di estrazione del metano e contemporaneamente si registra il maggiore incremento dello sprofondamento del terreno, quasi sempre legato al prelievo di acqua per agricoltura, turismo, allevamenti, industrie».

Ci sono poi le questioni ambientali : «Vaste aree marine sono vietate all’attività di pesca a strascico per la presenza delle piattaforme e delle tubazioni che portano a terra il metano, ma è altresì assodato che tali aree sono una riserva di protezione per il ripopolamento e la cresita di tante specie ittiche. Altresì tutti sanno che sotto alle piattaforme si sviluppa un habitat straordinario con massiccia presenza di varie specie ittiche, spesso oggetto di pesca dei diportisti». E le questioni paesaggistiche: «Le piattaforme deturpano il paesaggio marino per i turisti? Se qualcuno frequenta il mare in estate può verificare che molte piattaforme sono oggetto di interesse e curiosità di tanti diportisti :a Rimini, Riccione, Cattolica vengono anche organizzate escursioni guidate con grandi motonavi per far vedere le piattaforme da vicino».

13 - 02 - 2016
© riproduzione riservata

commenti

OrsoTibetano 13 Febbraio 2016
“No alla demagogia e alle falsità”. ... il presidente Fucci, poteva dare l'esempio e risparmiarci questo comunicato !!!

luca rosetti 13 Febbraio 2016
nell'ultimo anno ho partecipato a numerosi ed importantissimi incontri sull'attività offshore/economia/ambiente organizzati da cgil ravenna e gruppo rottamaitalia (che non ho mancato di ringraziare per il coraggio di affrontare seriamente e razionalmente la questione).....tutti incontri dove CHIUNQUE aveva la possibilità di intervenire....non conosco il sig. fucci, non so se sia stato presente a tutti questi incontri e comunque non mi sembra di ricordare il suo nome tra i pochi interventi che sono seguiti dopo i relatori. credo che sis isa "perso qualcosa di molto importante" per comprendere meglio il problema....

nsavioli 16 Febbraio 2016
Non credo che l'associazione Paguro sia un'associazione di geologi, quindi per intervenire pubblicamente su questi argomenti è titolata quanto gli amanti dei gatti o il fan club di Laura Pausin e la sua opinione vale poco o nulla. Il quesito è semmai perchè r&d gli dia spazio sulla sua testata.

lascia un commento

Non ti sei ancora registrato? Registrati ora e lasciaci il tuo commento.

Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Copia qui questo codice* :4097

 

I campi con * sono obbligatori.
Registrandomi accetto le condizioni d'uso di Ravenna & Dintorni.

 

Accedi con il tuo account

Email
Password

Password dimenticata?
Inserisci qui sotto la tua mail e premi il pulsante Recupera

Email

 
Copyright © Reclam Edizioni & Comunicazione - Viale della Lirica, 43 - 48124 Ravenna - www.reclam.ra.it
Credits: progetto e sviluppo di G&M Network Srl - Filosofia e Tecnologia Web - www.gemnetwork.it