Notizie di Ravenna su cronaca, politica, cultura

Venerdì 20 Gennaio 2017

il caso

Toilette di piazza Kennedy, «la struttura
è costata 183mila euro. E ora chi paga?»

Ancisi (LpRa) fornisce le cifre dell'infrastruttura tanto criticata
e attacca il sindaco: «Non mi pare sia così "facilmente amovibile"...»

La struttura tanto contestata di piazza Kennedy, a Ravenna, è costata 183.200 euro, nell'ambito dei lavori di riqualificazione da oltre un milione di euro finanziati dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Lo rivela il decano dell'opposizione Alvaro Ancisi, consigliere comunale di Lista per Ravenna. A far discutere in queste settimane è stata la presenza dei bagni pubblici, che impegnano però solo circa 13 (per un costo di 67.500 euro) dei circa 65 metri quadrati di quello che Ancisi definisce un «mostro cementizio» e in cui trovano posto anche la pensilina del bus (6,75 metri quadrati per un costo di 6.200 euro), il locale tecnico (21 metri quadrati per 38mila euro) e l'edicola (24 metri quadrati per 71.500 euro).

«L’incompatibilità architettonica e paesaggistica della struttura con la prospettiva dei palazzi monumentali che sorgono sulla piazza, soprattutto con Palazzo Rasponi, resterebbe a prescindere dalle toilette», sottolinea quindi Ancisi.

«Con 183.000 euro, a parte l’infelice collocazione – scrive il capogruppo di Lista per Ravenna –, si sarebbe potuto pensare e progettare di meglio che l’acquisto di una struttura montata a blocchi, stile container, quasi si trattasse di un anonimo piazzale di periferia e non di una piazza circondata da pregevoli strutture architettoniche, “riqualificata” al costo di 1 milione e 400 mila euro. 2.840 euro il metro quadrato è prezzo da appartamento di lusso. Fermo restando che di lì quel blocco se ne deve andare, non si tratta soltanto di trovare un altro posto per delle latrine, per le quali non mancano le alternative, anche collaterali alla piazza. Non mi pare che sia una “struttura facilmente amovibile”, come ha detto il sindaco De Pascale, né facilmente collocabile. Si pone anche il problema di chi paga». Va ricordato infatti che il sindaco e l'Amministrazione tutta, pur senza averlo ufficializzato con delibere, hanno già dichiarato che a piazza conclusa si troverà una soluzione alternativa.

18 - 11 - 2016
© riproduzione riservata

commenti

Il Dude 18 Novembre 2016
E per l'ennesima volta, tra titolo e articolo non c'è assolutamente alcuna corrispondenza! La struttura rimane uno scempio e su questo non si discute ma uno scempio è anche come vengono scritti i titoli di questi articoli!! Il costo indicato nel titolo dell'articolo è relativa a TUTTA LA STRUTTURA: la presenza dei bagni pubblici, che impegnano però solo circa 13 (per un costo di 67.500 euro) dei circa 65 metri quadrati di quello che Ancisi definisce un «mostro cementizio» e in cui trovano posto anche la pensilina del bus (6,75 metri quadrati per un costo di 6.200 euro), il locale tecnico (21 metri quadrati per 38mila euro) e l'edicola (24 metri quadrati per 71.500 euro). Fate una bella cosa voi di Ravenna e Dintorni...imparate a leggere quello che scrivete e poi, solamente dopo, cercate di scrivere titoli ONESTI e non titoli creati apposta per attirare click di analfabeti funzionali che non leggono nulla se non i ltitolo.

livius74 18 Novembre 2016
avranno anche scritto male i titoli ma restano pur sempre 2800€/mq per un container prefabbricato....quella cifra si spende per costruire in ambito residenziale con ottime finiture....

lucs 18 Novembre 2016
67.500 euro x 13 metri metri quadri di bagni pubblici??? ma neanche fossero fatti d'oro ... ... sono dei cassonetti del pattume taglia XXL ... ... VER-GO-GNO-SO!!! .. una vera e propria TRUFFA LEGALIZZATA con presa per il culo e cassone compreso ... ... VER-GO-GNO-SO !!!

Sottile 19 Novembre 2016
Un grazie ad Ancisi: ci fornisce elementi concreti di giudizio degli amministratori comunali. Ma il Soprintendente alle Belle Arti non ha niente a che ridire?

Ancisi 19 Novembre 2016
Sottile, non ho detto tutto. A presto.

Alessandro G. 19 Novembre 2016
La piazza, nel suo significato urbanistico, può definirsi come uno spazio libero, limitato da costruzioni (Treccani). Realizzare dei chioschi permanenti nelle piazze è assurdo. Qui a Ravenna abbiamo purtroppo fatto anche il bis. Dopo i chioschi di Piazza Mameli sono stati pensati e realizzati quelli di piazza Kennedy. Diabolico! Immaginate una qualsiasi piazza d'Italia con simili chioschi-brutture: da piazza Maggiore a Bologna a piazza della Signoria a Firenze , da Piazza San Marco a Venezia a piazza del Plebiscito a Napoli.

pil 19 Novembre 2016
purtroppo il danno è fatto, ci vorranno altri euro per trasferire il tutto possibilmente in altro luogo dove sia necessario vedi piazze dei mercati o parcheggi sprovvisti di tale struttura. Per piazza kennedy logica vorrebbe utilizzare un immobile già predisposto nelle adiacenze della piazza e poter dividere i costi per due servizi. Per i tecnici o amministratori che hanno causato il danno proporrei una turca nel loro ufficio aperta al pubblico.

lascia un commento

Non ti sei ancora registrato? Registrati ora e lasciaci il tuo commento.

Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Copia qui questo codice* :4159

 

I campi con * sono obbligatori.
Registrandomi accetto le condizioni d'uso di Ravenna & Dintorni.

 

Accedi con il tuo account

Email
Password

Password dimenticata?
Inserisci qui sotto la tua mail e premi il pulsante Recupera

Email

 
Copyright © Reclam Edizioni & Comunicazione - Viale della Lirica, 43 - 48124 Ravenna - www.reclam.ra.it
Credits: progetto e sviluppo di G&M Network Srl - Filosofia e Tecnologia Web - www.gemnetwork.it