Dal premio “Hegel” al “Bòta so”: come è andata davvero la stagione teatrale

Argentieri Se Questo È Levi

Andrea Argentieri in “Se questo è Levi” di Fanny & Alexander

È finita un’altra stagione teatrale. L’estate langue, assai dolcemente: le sale sono vuote e afose, le poltrone non gemono più sotto il peso di gentili signore steatopigie e l’aria non risuona dello scricchiolio delle caramelle incartate. È dunque arrivato il momento per rinnovare l’appuntamento più atteso di questa rubrica. Ecco i premi soggettivi e scorretti del teatro romagnolo stagione 2018-2019. Rullo di tamburi.

Premio miglior regia: Granma. Metales de Cuba di Stefan Kaegi – Rimini Protokoll

Premio “Sangue e merda”, ovvero miglior spettacolo sporco: Macbetto di Roberto Magnani, Consuelo Battiston e Eleonora Sedioli

Premio “Mimesis”, ovvero miglior trasformista: Andrea Argentieri per Se questo è Levi di Fanny & Alexander

Premio miglior attrice: Elena Bucci in Nella lingua e nella spada

Premio “Giacobbo”, ovvero come non fare divulgazione: Tecno Filò di Marco Paolini

Premio “Lucarelli”, ovvero quanto sono a mio agio sul palco, potrei farne un mestiere: Alessandro Luparini a pari merito con Giovanni Gardini in Storie di Ravenna

Premio “Soviet”, ovvero spettacolo più ideologico: Vogliamo tutto! di ErosAntEros

Premio brividi: L’abisso di Davide Enia e Giulio Barocchieri

Premio “Roulette russa”, ovvero miglior scommessa vinta: Purgatorio del Teatro delle Albe

Premio “Wit”, ovvero migliori battute: Winston vs Churchill di Carlo G. Gabardini

Premio miglior disegno luci con minor spesa: Aminta di Antonio Latella.

Premio miglior finale agghiacciante: Overload di Sotterraneo a pari merito con La mia battaglia di Elio Germano e Chiara Lagani

Premio “Regaz”, ovvero migliori, stralunate promesse: F. Perdere le cose di Kepler-452

Premio “Brudèt”, ovvero mettici un po’ di tutto e vediamo che succede: Edipo a Colono di Rimas Tuminas

Premio “Guantanamo”, ovvero vi dico tutto quello che so, basta che mi lasciate andare: Magnificat di Anagoor

Premio migliori costumi e miglior cover musicale: Settimo cielo di Bluemotion – “Guns of Brixton” dei Clash

Premio “Cheope”, ovvero miglior scenografia faraonica: Moby Dick di Teatro dei Venti

Premio “Ikea”, ovvero miglior spettacolo con peggiore scenografia: Laika di Ascanio Celestini

Premio “Bruno Vespa”, ovvero migliore plastico sulla scena: Ritratto di donna araba che guarda il mare di LAB121

Premio “Serata storta”, ovvero peggior interpretazione e peggior pubblico: Francesco Mandelli in Proprietà e atto davanti al pubblico dello Spazio Tondelli di Riccione

Premio “Derrida”, ovvero essere incomprensibili paga: Il regno profondo della Socìetas Raffaello Sanzio

Premio “Lenny Bruce”, ovvero miglior stand up comedian: Luca Ravenna

Premio “Trenitalia”, ovvero miglior spettacolo perso: Quasi Niente di Deflorian-Tagliarini a pari merito con Si nota all’imbrunire di Lucia Calamaro

RENOVA BILLB ECM 18 – 25 10 20
REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB BOTTOM 19 10 – 11 11 20
RECLAM TIROCINIO BILLB CULT 02 03 – 31 10 20
RECLAM AGENTI BILLB CULT 02 03 – 31 10 20