Dagli At the Drive-In fino al migliore Battisti – di Gianluca Viscuso

di Gianluca Viscuso *

Ecco alcuni dei miei dischi preferiti.
Ikara Colt – Chat and Business (2002) Una band formata al liceo artistico di Londra a fine anni 90. Garage punk tagliente con la voce di Paul Resende e un batterista che è una macchina. Vicini ai Sonic Youth ma più scorretti.
At the Drive-In – Relationship of command (2000) Ricordo di averli visti dal vivo a Bologna, grazie a un amico ho potuto assistere al concerto dal palco, osservando i movimenti indiavolati di Cedric e tutta la band carichissima. Non ci sono parole. Per molti miei coetanei è un disco imprescindibile.
Cass McCombs – Dropping the Writ (2007) Sono talmente legato a questo disco, cosi coinvolto, a 9 anni dall’uscita, che non trovo argomenti. Forse il disco più bello di Cass, più quotidiano. Un folk country pop molto armonico. Ma i generi non esistono quando si superano certe soglie.
Brian Eno – Music for Films (1978) Si tratta del settimo disco di Eno,  sono frammenti anche di un minuto, immagini sonore pensate per eventuali scene da film. I brani scorrono piacevolmente rievocando suoni alla caverna magica di Vollenweider o viole e bassi elettrici alla Vangelis.
Cave In – Jupiter (2000) Come per gli ATDI anche questo disco e questa band rappresentano molto per i miei coetanei. Maggiormente conosciuti per i loro trascorsi hard metal in Jupiter è la psicadelia e il progressive a comandare, la voce di Stephen Brodsky è una delle migliori voci americane nel mondo del rock e tutto qui fila liscio. Davvero potente e pieno di armonia.
Lucio Battisti – Anima Latina (1974) Dal mio punto di vista il disco italiano più incredibile di sempre. Gli arrangiamenti innovativi, l’utilizzo delle voci ancora oggi assolutamente all’avanguardia, I temi trattati nei testi, i ritmi latini.  250 000 copie vendute e il primo posto in classifica per questo disco “anomalo” di Battisti. Allora in italia un pubblico pronto o più coraggioso, almeno nel ‘74 doveva esserci.
Neu! – Neu!‘75 (1975) È il terzo album discografico della band krautrock tedesca Neu!, qui si spingono oltre “Hallogallo” e sono più presenti il cantato e variazioni di atmosfera. Siamo in territori che dopo un decennio spopoleranno, grandi anticipatori di molto generi contemporanei questi musicisti tedeschi hanno influenzato e non poco anche il percorso dei miei LaVis in fase di arrangiamento e attitudine.
Alex Turner – Submarine (2011) Non ascolto gli Arctic Monkeys e gli altri progetti di Alex, semplicemente al Moog hanno messo questo disco e io me ne sono innamorato, ho chiesto chi fosse e, sorpreso, ho cominciato ad ascoltarlo. Chitarre acustiche, batterie leggere e cantati eleganti, con la voce da baritono di Alex. Un disco caldo e davvero piacevole.
Skiantos – Kinotto (1979) Potevo segnalare i CCCP, oppure i Pulmanx o Daniele Pace… Certo non Elio e le storie tese, perchè qui siamo in altri luoghi, meno virtuosi e freddi ma molto più veri e genuini. Nessuna ipocrisia, molta scorrettezza e chitarracce punk italiane, la voce di Freak è al top. È un manifesto.
Portishead – Dummy (1994) Mancava una voce femminile in questa lista di dischi: ho scelto lei, Beth Gibbons. È il disco di esordio dei Portishead, uno dei dischi di esordio più incredibili che si possano immaginare. Hanno cambiato tutto con il loro sound e influenzato decine e decine di band, tutt’ora i loro dischi hanno un tocco superiore, ma quasi sempre a Bristol certa musica ha un tocco superiore.
E per concludere, due band di Ravenna che amo da sempre.
Search – Energia (1996) È il disco di benvenuto che mi ha regalato Ravenna e uno dei motivi per cui amo questa città. le registrazioni non sono certo delle migliori ma lo spirito della band è unico e la voce di Siro inconfondibile ma basta leggere il libretto interno del cd per vedere super nomi della zona che all’epoca erano alle prime armi. Ancora quando lo faccio girare canto i testi a squaciagola e mi commuovo pensando al motorino e alla Ravenna di quegli anni.
Steady Ground – We will be stoned again (2001) Semplicemente la band più potente che abbia mai partorito questa città. il disco non è mai uscito definitivamente, io sono uno dei pochi a possederlo, parliamo degli Steady Ground, di una miscela di generi dal rock al progressive, dallo stoner al grindcore, una miscela devastante per un disco compatto e di gusto dallo spessore internazionale.

* Gianluca Viscuso è un cantautore siciliano – nato a Catania nel 1983 – ma ravennate d’adozione, noto in passato in particolare per l’attività con la sua band LaVis. Nel giugno del 2015 ha pubblicato il suo disco solista “Vivo alla giornata”.

ARKA ERGO STUDIO BILLB TOP E MID 24 01 – 29 02 2020
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20