La Lama come l’Acheronte, cascata di monete sulla riva per blandire Caronte

L’installazione di Biancoshock visibile fino al 2 novembre, sul canale che separa il Pala De André da via Gulli, nel quartiere Darsena

Biancoshock Progetto CaronteLo scolo Lama come l’Acheronte – il fiume infernale dove lo psicopompo Caronte, secondo la letteratura classica (Virgilio  e Dante compresi), traghettava i dannati nell’Aldilà esigendo in cambio una moneta – è la cornice attuale di una installazione temporanea di street art ideata e organizzata dall’Associazione Culturale Indastria di Ravenna, che promuove annualmente con la direzione artistica di Marco Miccoli, il festival di arte metropolitana “Subsidenze”.

L’opera visibile in sito fino al 2 novembre (celebrazione dei defunti) è stata creata dall’artista di fama internazionale Biancoshock, e fa parte del progetto “Sinergie: Virgilio e Dante 4.0, nuove storie antichi mestieri“, in collaborazione con il Comune di Ravenna, l’Assessorato alle Politiche giovanili e il Comune di Mantova, promosso da Anci e Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La Cascata di Caronte, questo il titolo dell’opera allestita sul canale Lama, nella sponda del Pala De André, di fronte alla cittadella della street art (all’altezza di via Gulli 253), raffigura una cascata di monete che entra in acqua, rifacendosi alla leggenda nella quale si narra che Caronte traghettasse le anime dei defunti solo se questi trasportassero con sé un obolo per pagare il viaggio, e rappresenta «quell’eccesso di consumismo che caratterizza la nostra società. Basterebbe una moneta sotto la lingua ma, nell’ansia di ottenere una salvezza non meritata nella vita terrena, meglio offrire più denaro, pensando che anche per l’aldilà valga l’offerta maggiore, come nella vita terrena – spiega l’artista –.  È simbolico il fatto che essendo galleggianti le monete non sprofondino: questo controsenso fisico rafforza l’idea dell’inutilità del denaro di fronte a certe situazioni».

Più che artista Biancoshock si considera un artigiano provocatore. Con la sua arte ironica questo “artigiano” milanese trasforma il paesaggio urbano per raccontare la società contemporanea attraverso opere che parlino di temi attuali come la crisi economica, il surriscaldamento globale, l’immigrazione, privilegiando la strada come supporto e i passanti come pubblico principale.

MOSTRA ALLA NATURA PALAZZO SAN GIACOMO BILLB 17 06 – 25 09 22
UNIVERSO BILLB 27 06 – 03 07 22
RFM 2022 PUNTI DIFFUSIONE AZIENDE BILLB 16 06 – 21 07 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
CONSAR BILLB 01 – 10 07 22