Al porto traffico merci stabile, continua il calo della movimentazione di container

Diminuzione di mezzo punto rispetto al 2017. Buona performance dell’agroalimentare, in flessione i materiali da costruzione. Contenitori: – 1,7%

2118 Navi Al PortoIl traffico del porto di Ravenna è in linea con lo scorso anno (che però non è stato uno dei più entusiasmanti). La movimentazione dei primi due mesi del 2018, diffusa da Autorità portuale, è in calo di mezzo punto percentuale rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In totale, 4,065 milioni di tonnellate.  Le merci secche segnano un aumento dello 0,6% (quasi 18 mila tonnellate in più), le rinfuse liquide segnano un calo pari allo 0,4%, mentre le merci in container risultano in aumento dello 0,9%, mentre quelle su rotabili segnano un -13,2%.

In particolare – fa sapere Autorità portuale – , «un risultato positivo si è registrato per il comparto agroalimentare (derrate alimentari solide e prodotti agricoli), con quasi 676 mila tonnellate di merce e un incremento del 46,9% rispetto a gennaio-febbraio dello scorso anno. In aumento i prodotti agricoli, in particolare frumento proveniente dall’Ucraina, dalla Lettonia e dagli USA e granoturco importato dall’Ucraina, ma anche le derrate alimentari, soprattutto semi oleosi provenienti da Ucraina, Romania e Canada»

CONAD VINI PETER ZEMMER MRT 17 – 28 02 21

I materiali da costruzione, con 664.880 tonnellate movimentate, hanno registrato un calo del 6,5%, dovuto alla diminuzione, pari al 7,8%, delle materie prime per la produzione di ceramiche del distretto di Sassuolo, che sono state 565.865 tonnellate. I prodotti metallurgici, con 971.991 tonnellate, risultano in calo del 3,2%; le provenienze sono per il 26,2% Taranto, per il 15,4% Turchia e per il 12,2% Germania. In calo i concimi, pari a 344.487 (-23,2%), provenienti in buona parte da Egitto, Grecia e Finlandia.

Per quanto riguarda le rinfuse liquide, si è registrata una crescita per le derrate alimentari liquide (+34,3%), in particolare per gli oli vegetali, provenienti da Indonesia, mentre risultano in calo le altre rinfuse liquide, ovvero i prodotti petroliferi (-13,4%) e i prodotti chimici (-7,9%).

Per i container il risultato è stato di 33.124 teus, 576 in meno rispetto allo scorso anno (-1,7%), in calo del 2,9% i pieni e del 17,8% i vuoti.

 

SPI CGIL CAMPAGNA TESSERAMENTO BILLB 01 02 – 07 03 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 28 02 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 01 – 28 02 21