Ospedale, nuovo padiglione D: l’Ausl aggiorna i tempi, fine lavori nel 2019

La nuova tempistica è in ritardo di due anni rispetto alla previsione fatta nel 2016 all’apertura del cantiere. Costo complessivo 4,75 milioni di euro. Intato si progetta la nuova Rianimazione

Visita All'Ospedale Di Lugo, 15 Marzo 2019 (2)La fine dei lavori per la realizzazione del nuovo padiglione D dell’ospedale di Lugo – in sostituzione del vecchio che è stato completamente demolito perché troppo vecchio per una ristrutturazione – è prevista entro il 2019. Questo l’ultimo aggiornamento delle tempistiche fornito dall’Ausl Romagna oggi, 15 marzo, in occasione della visita sul cantiere del sindaco Davide Ranalli accolto dal direttore generale Marcello Tonini. La visita è stata anche l’occasione per ufficializzare il passaggio di consegne, alla direzione medica del presidio, tra la dottoressa Marisa Bagnoli, ora in forze alla direzione medica dell’ospedale di Cesena, e il dottor Paolo Fusaroli che ha accompagnato Ranalli e Tonini nella visita.

Se la nuova tempistica sarà effettivamente rispettata, vorrà dire che le opere si concluderanno con due anni di ritardo rispetto alle previsioni fatte a luglio 2016 quando cominciarono i lavori di demolizione. A ottobre del 2017, quando in teoria doveva essere ormai prossimo il taglio del nastro, l’Ausl comunicò lo slittamento ad agosto 2018, scadenza poi non rispettata.

CONAD MAGGIO MRT2 01 – 31 05 19
20190313 LUGO OSPEDALE Sintesi Lavori 61

Rendering

Il padiglione D è attualmente allo stato di cantiere; sono infatti  in costruzione, e vi troveranno sede definitiva: la nuova Dialisi (al pianterreno), l’Otorinolaringoiatria (al primo piano), l’Oculistica (con 16 ambulatori al primo e secondo piano), l’Endoscopia digestiva (al secondo piano). Costo complessivo dell’opera, 4,75 milioni di euro. Per il rivestimento della struttura sono stati usati materiali  che consentiranno di fare di quell’edificio un padiglione ad “impatto ambientale zero”, grazie alle politiche di conservazione energetica.

Il primo cittadino ha colto l’occasione per fare il punto anche sugli ulteriori lavori per i quali attualmente è in corso la progettazione. Si possono citare: interventi impiantistici per il risparmio energetico sempre presso il Padiglione D, il collegamento di quest’ultimo col resto del Presidio ospedaliero, il nuovo Laboratorio a risposta rapida e trasfusionale i cui lavori termineranno entro l’estate prossima e che troverà spazio nelle vecchie cucine al pianterreno del Padiglione C.

Ma l’intervento forse principale attualmente in corso di progettazione, è la riqualificazione della Rianimazione. «Il termine della progettazione è previsto a settembre 2019 – scrive l’Ausl in una nota inviata alla stampa – così da poter inserire l’opera tra i finanziamenti previsti dal programma regionale degli investimenti».

Visita All'Ospedale Di Lugo, 15 Marzo 2019 (3)Per quanto riguarda gli altri reparti visitati da Ranalli, al pronto soccorso sul fronte strutturale è stata realizzata la nuova Osservazione Breve Intensiva (Obi) ed è stata ampliata l’intera area del triage/barrellati allo scopo di dedicare l’intero piano alle operazioni di Pronto Soccorso, raddoppiando così di fatto gli spazi a disposizione. «Grazie a questi interventi strutturali– ha spiegato la primaria dottoressa Ivana Valenti – è stato possibile diminuire i ricoveri e, soprattutto, migliorare la  diagnostica e il contenimento del rischio clinico». In queste aree è stata tra l’altro prevista ed è in corso di realizzazione una nuova Sala Radiologica dedicata al Pronto Soccorso grazie alla quale i pazienti che hanno bisogno di accertamenti radiologici non dovranno più essere trasportati e presi in carico dalla Radiologia, con un conseguente e significativo risparmio di tempo. Il tutto sarà completato, e dotato di un nuovo apparecchio radiologico, dopo l’estate.

L’azienda sanitaria pubblica poi ha voluto ricordare che «nessun servizio è venuto meno rispetto al punto nascita, e il calo del numero di parti si inserisce in un trend nazionale di denatalità associato ad una sempre maggiore presa in carico delle partorienti a rischio in termini di sicurezza dell’evento parto, anche attraverso la centralizzazione, quando ne ricorre la necessità, in una struttura a maggior intensità di cura. Ad ogni modo a Lugo l’attività del punto nascita continuerà, in sicurezza, attraverso la presenza di una guardia attiva ginecologica e pediatrica, e con tutti i requisiti di sicurezza necessari». A ciò si affianca l’attività di Fisiopatologia della Riproduzione che vedrà di qui a breve l’accorpamento con l’analoga struttura di Cattolica, con guida a Lugo.

CONSAR – HOME BILLB MID1 20-26 05 19
DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19