Gli archeologi del campus di Ravenna scoprono la tomba di un principe guerriero

In provincia di Ancona l’eccezionale scoperta conseguita dal dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna, sede di Ravenna

DSC 1027 (2)Nell’ambito degli scavi archeologici nella contrada Nevola a Corinaldo (Ancona) il dipartimento di Storia Culture Civiltà (Disci) del campus di Ravenna dell’Università di Bologna ha conseguito una straordinaria scoperta: una tomba monumentale picena di età orientalizzante, riferibile al VII secolo a.C.

Il carro da parata, le armi di difesa e strumenti da taglio, oggetti e contenitori bronzei e una quantità di vasellame ceramico: gli oggetti rinvenuti in una tomba monumentale picena di età orientalizzante, riferibile al VII secolo a.C., sono segni del potere che autorizzano a riconoscere nel defunto un’antichissima e potente autorità aristocratica, che doveva essere inserita all’interno di una rete di relazioni commerciali interne al proprio status sociale. I dati finora raccolti dal team di archeologi e restauratori impegnati sul campo fino al 21 luglio descrivono con precisione l’originaria presenza di una sepoltura monumentale, forse un tumulo, circondata da un fossato anulare di circa 30 metri di diametro, e con al centro una grande fossa fittamente riempita di vasellame e suppellettili che costituivano il ricco corredo del personaggio qui celebrato.

FAMILA MRT 15 – 21 10 20

«Si tratta di una nuova acquisizione di eccezionale importanza – sottolinea Federica Boschi, docente di Geofisica applicata all’archeologia, direttrice del Disci e dello scavo – sia per le caratteristiche peculiari del sito, sia per la quantità e qualità dei reperti che sta restituendo, e che permettono di riferire la sepoltura a un personaggio di rango della cultura picena, con ogni probabilità un principe». Il rinvenimento acquisisce un’importanza ancora maggiore in considerazione del luogo della scoperta, lungo il torrente Nevola, ovvero in un settore delle Marche compreso tra i fiumi Cesano ed Esino, finora molto lacunoso dal punto di vista della storia del popolamento di età picena. La recente acquisizione offre dunque alla comunità scientifica una nuova chiave di lettura, che connota la stessa valle del Nevola come un luogo tutt’altro che silente e piuttosto nevralgico per la conoscenza della storia più antica del territorio marchigiano, dall’età pre-protostorica fino alla prima romanizzazione.

STUDIO MARTINI ADV FLESSIBILITA LEAD TOP 19 – 25 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 10 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB BOTTOM 19 10 – 11 11 20