Nell’amichevole di lusso di Parma il Ravenna ritrova un buon ritmo campionato

Calcio C / I padroni di casa emiliani fanno valere la differenza di categoria vincendo con cinque gol. Buone indicazioni per i giallorossi, che hanno dimostrato nessun timore reverenziale nei confronti dei ducali e nel finale hanno sfiorato la rete

Parma-Ravenna 5-0
PARMA: Sepe (1′ st Frattali), Iacoponi (25′ st Gazzola), Dimarco (25′ st Gobbi), Stulac (25′ st Munari), Deiola (25′ st Dezi), Ceravolo (25′ st Baraye), Barillà (25′ st Sprocati), B. Alves (35′ st Davordzie), Siligardi (25′ st Ciciretti), Biabiany (25 st Di Gaudio), Bastoni (1′ st Gagliolo). 
A disp.: Camara. 
All.: D’Aversa.
RAVENNA FC 1913: Venturi (11′ st Spurio), Eleuteri (1′ st Pellizzari), Galuppini (11′ st Magrassi), Nocciolini (11′ st Raffini), Selleri (11′ st Barzaghi), Lelj, Bresciani (11′ st Sabba), Ronchi (11′ st Trovade), Siani (1′ st Martorelli), Jidayi (11′ st Esposito), Papa (11′ st Boccaccini). 
All.: Foschi.
ARBITRO: Campagnolo di Bassano del Grappa.
RETI: 10′ pt Iacoponi, 20′ pt Biabiany, 25′ st Siligardi, 46′ st Sprocati, 47′ st Ciciretti.

Parrav 9

Una immagine della amichevole tra Parma e Ravenna

Finisce 5-0 l’amichevole di lusso in terra emiliana del Ravenna contro i crociati del Parma, con i giallorossi ben messi in campo che hanno sempre cercato il gioco nonostante la differenza di categoria, senza però trovare il gol anche grazie a uno strepitoso intervento di Frattali su Magrassi allo scadere. Al di là del risultato, comunque, buone indicazioni per il Ravenna che ha dimostrato nessun timore reverenziale nei confronti dei ducali e che ha giocato a testa alta contro una formazione chiaramente di altra categoria. Da segnalare l’esordio in giallorosso per Esposito, subentrato a Papa nella ripresa che ha dimostrato notevole personalità in mezzo al campo.

CONAD RAVENNA – HOME MRT2 08 – 31 01 19

Squadre che si presentano in campo con i classici moduli: nel Ravenna Foschi sceglie Siani come terzo di centrocampo, mentre D’Aversa deve rinunciare a Gervinho e Inglese. Sono i crociati che si affacciano per la prima volta dalla parte di Venturi con Ceravolo che imbeccato da Deiola conquista un corner. Nella mischia salta più in alto di tutti Iacoponi che porta in vantaggio i padroni di casa. E’ lo stesso Ceravolo che ci riprova al 15’, ma di nuovo trova Venturi pronto alla respinta. Passano cinque minuti e il Parma trova il raddoppio, Stulac cerca e trova Biabiany abile a eludere la trappola del fuorigioco del Ravenna e a depositare in rete. Al 23’ prima opportunità offensiva per i giallorossi con Siani che prova ad anticipare di testa sul cross di Papa ma non centra la porta. Colossale occasione per il Ravenna al 32′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con Bruno Alves che compie l’unica sbavatura della partita permettendo a Jidayi di rimettere un pallone velenoso a centro area su cui svetta Nocciolini, ma l’incornata è alta e non regala il più classico dei gol dell’ex. L’ultima emozione del primo tempo la regalano i padroni di casa con Siligardi che ruba palla a Papa in ripartenza e si presenta a tu per tu con Venturi che però si dimostra già in forma campionato e gli nega la gioia del gol.

Nella ripresa si riparte con un’altra grande parata di Venturi sull’incornata a colpo sicuro di Barillà, anche in questo caso l’ex giallorosso (vestiva la casacca del Ravenna nell’ultimo anno in serie B) non punisce la sua ex squadra. Al 24’ è bravo Siligardi a trovare il terzo gol dei crociati con un bel destro su assist di Iacoponi. La partita scorre via tra le numerose sostituzioni per permettere a tutti gli effettivi di trovare il ritmo partita e si accende nei minuti finali. Al 46’ è Sprocati che, smarcato da Dezi, lascia partire un sinistro sul quale Spurio non può fare nulla. Nel minuto successivo l’occasione più grande per il Ravenna: Magrassi riesce a scappare con un sombrero a Gagliolo e scarica un destro all’interno dell’area, il riflesso di Frattali è prodigioso e nega la gioia del gol all’attaccante giallorosso. Sul conseguente corner stacco di Pellizzari, ma il suo colpo di testa si ferma sul palo. C’è ancora tempo per la quinta segnatura, con Ciciretti che si presenta al limite dell’area e fa partire un tiro che, complice una deviazione, finisce alle spalle di Spurio.

DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19