I film della settimana da non perdere nelle arene (fuori Ravenna)

Preso atto che a Ravenna si possa fare spettacolo solo in uno dei parchi cittadini (la Rocca), ignorando straordinarie potenzialità di altri luoghi bellissimi che abbiamo e che non c’è neanche bisogno di menzionare, esploriamo i dintorni e constatiamo con piacere la riapertura delle arene delle cittadine della provincia.

Segue un elenco di film fondamentalmente acritico e non particolarmente ricco di presentazioni, un po’ perché molti titoli non hanno avuto il tempo di passare per la sala, un po’ perché vista la contemporaneità delle proiezioni (cose che succedono, tranne che a Ravenna), si lascia al lettore la scelta in base ai propri gusti. Tutti i titoli elencati meritano una visione. Buona estate.

Cosa SaràArena delle Cappuccine (Bagnacavallo): Cosa sarà è il nuovo film di Francesco Bruni (Scialla e non solo) con Kim Rossi Stuart e racconta della malattia del protagonista con il solito fare lieve e gradevole del suo autore (giovedì 1 luglio); Corpus Christi (venerdì 2), presentato a Venezia e nominato come Miglior film straniero (Polonia) narra di un prete abusivo, è tratto da una storia vera ed è di un giovane regista di cui sentiremo parlare di nome Jan Komasa; Due (sabato 3) parla di un amore segreto fra due donne, è un’opera prima e in patria francese ha vinto numerosi premi da esordiente; Padrenostro (con Pierfrancesco Favino, mercoledì 7) è una storia vera che ci riporta negli anni di piombo attraverso gli occhi sinceri del regista Claudio Noce a cui uccisero il padre Vice Questore nel 1976.

Il Cattivo Poeta

Arena del Carmine (Lugo): Il cattivo poeta (venerdì 2) è l’opera prima che racconta un pezzo di storia di Gabriele D’Annunzio interpretato da Sergio Castellitto, alle porte del secondo conflitto mondiale; Maledetta primavera (lunedì 5) vede il debutto nella fiction della documentarista (il film su Chiara Ferragni) Elisa Amoruso e narra dell’amicizia tra due ragazze accumunate, seppur in contesti diversi, dalla solitudine, mentre su In The Mood For Love (martedì 6) basta dire che è il capolavoro del 2000 di Wong Kar-Wai che torna in sala, ed è da non perdere; La vita che verrà parla di una giovane madre costretta a fuggire dal marito con le sue bimbe piccole e, appunto, a rifarsi una vita grazie a un’occasione che le si presenta (mercoledì 7).

Hong Kong Express

Arena Borghesi (Faenza, ma in piazza Nenni): si parte giovedì 1 con un altro Wong Kar-Wai, l’ancor più magnifico (parere soggettivo) Hong Kong Express, che diventa in automatico in assoluto il film da non perdere della settimana; venerdì 2 si omaggia Jean Cocteau e la sua opera La voce umana, prima con un cortometraggio di Almodovar, poi col film del 2014 di Edoardo Ponti con Sophia Loren; infine, la vocazione dell’arena per i classici continua sabato 3 con E la nave va, film del 1983 di Federico Fellini, pluripremiato ma appartenente all’ultimo periodo del regista, quello in genere meno visto e più sottovalutato.

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
CONSAR BILLB 11 – 17 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21