Torre Xenos: i costruttori propongono albergo e non Rta ma resterà 54 metri

L’annuncio del gruppo Nettuno in una assemblea cittadina dove il Comune non si è presentato. Suite ispirate a personaggi famosi

La volontà dei costruttori è quella di abbandonare la formula Rta (residenza turistico-alberghiera con gestione unitaria ma dove ogni stanza è obbligatoriamente dotata di cucina) per andare verso quella di albergo classico: questa la richiesta fatta dalla Comway (gruppo Nettuno) al Comune di Ravenna a proposito dell’intervento da realizzare a Marina di Ravenna all’incrocio tra viale delle Nazioni e via IV novembre dopo aver ricevuto la definitiva approvazione del progetto per una torre di 54 metri con 14 piani che dovranno ospitare gli alloggi. L’assessore comunale all’Urbanistica, Libero Asioli, si è riservato il tempo per una riflessione. L’altezza dell’opera non è comunque considerata un parametro modificabile.

È stato Giuseppe Rossi, in rappresentanza della Comway, a rendere noto l’ultimo sviluppo nella vicenda della torre Xenos in occasione di un’assemblea cittadina organizzata dalla pro loco nella serata di ieri a Marina di Ravenna. L’imprenditore residente nella località costiera da anni ha presentato il progetto con il supporto del progettista, l’architetto romano Carlo Maria Sadich, difendendo le scelte e illustrando le ragioni di un’opera che in paese sta raccogliendo diverse contrarietà. Ma non mancano le voci favorevoli, soprattutto guardando al portafoglio: un investimento da 20 milioni di euro viene percepito da più parti come un’occasione da cogliere in tempi di crisi.

CONAD MAGGIO MRT2 01 – 31 05 19

Al tavolo dei relatori, che non si sono sottratti alle domande e alle critiche dei cittadini, spiccava una sedia vuota: quella riservata a un rappresentante del Comune che la pro loco aveva invitato: la serata è stata posticipata già un paio di volte per andare incontro alle richieste dell’amministrazione e poi nessuno si è presentato suscitando non pochi malumori in sala. A metterci la faccia è stato Davide Benazzi: il presidente del consiglio territoriale era in sala come cittadino ma non si è sottratto all’invito di raccontare sinteticamente quanto fatto dal consiglio che ha solamente ruoli consultivi.

«Sarebbe tutto pronto per firmare la convenzione con il Comune – ha spiegato Rossi – e il progetto ha già la copertura finanziaria con l’appoggio della principale banca locale quindi potremmo aprire il cantiere il giorno stesso della firma sulla convenzione. Ma visto che siamo una impresa dialogante e non arrogante fatta da imprenditori di questo territorio, non siamo insensibili alle richieste che arrivano dai nostri concittadini e l’unica concessione che possiamo fare è quella di passare da Rta a albergo che è sempre stata la nostra volontà principale. Non è mai esistita l’ipotesi di una speculazione edilizia trasformando la struttura in un condominio di appartamenti».

Le rassicurazioni di Rossi erano indirizzate anche, ma non solo, a Guido Pasi: l’ex assessore regionale al Turismo, esponente di Sel, in occasione di un’altra assemblea aveva manifestato l’aperta contrarietà dei vendoliani a un progetto ritenuto solamente un tentativo di speculazione edilizia reso impossibile solo dal rigido vincolo di destinazione turistica imposto dall’amministrazioen pubblica al comparto. Le perplessità di Pasi riguardano anche i volumi dell’opera che secondo il suo giudizio andrebbero oltre le premialità previste per l’area. È stato l’architetto Sadich a garantire la correttezza dei conteggi.

Sadich, nato a Roma nel 1950, considera Ravenna come la sua seconda città visti i tempi trascorsi a queste latitudini a partire da quando la famiglia Ferruzzi-Gardini lo incaricò di costruire il Pala De Andrè. Ha voluto ribadire il valore simbolico della torre – «Non chiamiamolo grattacielo, quelli sono altre cose» – in una località che a suo giudizio manca di una idendità: «Segna la porta di ingresso del viale, rispondendo a una richiesta dell’amministrazione. Gli elementi alti servono a dare segnali a chi arriva da fuori, in architettura l’altezza è un segnale importante». Entrando nel merito del progetto il nuovo dettaglio emerso riguarda la torre ribattezzata “dei famosi”: ospiterà 48 unità abitative ognuna delle quali arredata ispirandosi a un personaggio famoso.

Ora si apre una nuova fase per l’eventuale modifica della natura della struttura ma Rossi si augura che il Comune sappia fornire risposte con tempi rapidi: «Siamo arrivati a questo punto dopo sette anni di discussioni avendo già speso sei milioni di euro per acquistare l’area dell’ex Xenos dalla Provincia e l’ex Hotel Internazionale da una società privata. Speriamo che ora non ci mettano altri sette anni per rispondere». Da qui anche la conferma che non possa essere altro che una provocazione quella lanciata a inizio serata da Rossi: «Se poi proprio non volete niente vorrà dire che metteremo uno chiosco per vendere piadina e salsiccia».

CONSAR – HOME BILLB MID1 20-26 05 19
DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19