Prima trasferta amara per la Conad: contro il Baronissi si inchina in quattro set

Volley A2 femminile / Le ravennati lottano ma perdono sul campo delle campane e dopo quattro partite non fanno passi in avanti in classifica

Baronissi-Ravenna 3-1
(25-17, 23-25, 25-21, 26-24)
P2P GIVOVA BARONISSI: Ferrara, Avenia 5, Prestanti 4, Mendaro 23, Strobbe 14, Maggipinto (L), Moneta 7, Quarchioni 21. Ne: Baruffi, Kijakova , Pedone, Vujko, Gagliardi. All.: Castillo.
CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Bacchi 15, Paris (L), Neriotti 7, D’Odorico 5, Aluigi 7, Scacchetti, Torcolacci, Menghi 16, Kajalina 12, Drapelli, Vallicelli 1. Ne: Ceroni, Panetoni. All.: Angelini.
ARBITRI: Stancati e Scarfò.
NOTE – Baronissi: bs 11, bv 3, errori 13, muri 11; Ravenna: bs 4, bv 5, errori 17, muri 7. Durata set: 24′, 26′, 26′, 29′ (tot. 105′).

Time Out Olimpia

Il tecnico Simone Angelini e la sue giocatrici durante un time out

Prima sconfitta in trasferta per la Conad, piegata in quattro set in terra campana dal Baronissi. Si tratta del secondo ko di fila, che blocca il cammino delle ravennati, che muoveva la classifica da quattro gare consecutive e che adesso scivola al sesto posto. Parte in sostanziale equilibrio il primo set, con le due squadre impegnate a studiarsi reciprocamente. Sul 5 pari l’Olimpia Teodora tenta un timido allungo, portandosi avanti di tre lunghezze (6-9). Protagonista di questa prima fase per Ravenna è la centrale Menghi. Le padrone di casa però non ci stanno a farsi distanziare e prima recuperano, poi effettuano il sorpasso (10-9). Nella parte centrale del set le biancorosse non perdono il contatto e si riportano in parità (13-13). Da qui in poi sono le campane a crederci di più e a distendersi, allungando via via il vantaggio (19-16). Il finale della prima frazione vede le ragazze di coach Angelini costrette a subire il gioco delle padrone di casa senza riuscire a riprendere il controllo della situazione (25-17).

Nel secondo periodo Bacchi e compagne scendono in campo concentrate e cercano di portarsi avanti sin da subito (2-4). Le padrone di casa non mollano e ristabiliscono la parità (8-8). Si ripete il copione del set precedente con Baronissi che cerca di gestire e Ravenna che insegue e colma temporaneamente il distacco (14-14). Sono le campane a dimostrarsi determinate e a portarsi avanti (19-16). Rispetto alla prima frazione, la seconda riserva però un finale molto più combattuto ed emozionante, con le ravennati che stringono i denti e, prima recuperano (22-22), poi superano le campane, chiudendo con due punti di vantaggio (23-25).

Le due formazioni tornano in campo nel terzo set più agguerrite che mai e sul taraflex rosa di Pellezzano si combatte aspramente per la conquista di ogni palla (5-5). Galvanizzate dalla vittoria ottenuta nel secondo set, le ragazze della Conad tentano un primo allungo (6-9), ma anche questa volta le campane recuperano e riportano il set in parità (10-10). Si procede punto a punto fino al 14 pari, poi le padrone di casa infilano un parziale di +4 che le porta sul 19-15. Finale di set di marca campana con Ravenna che non riesce a contenere lo strapotere delle padrone di casa (23-16). L’Olimpia Teodora tenta coraggiosamente un recupero in extremis (24-21) ma Baronissi amministra e conclude con freddezza (25-21).

Parte sotto di tre punti Ravenna nel quarto periodo. Lo sbandamento è solo momentaneo e, come nell’avvio delle precedenti frazioni, si torna a giocare punto a punto. Le due squadre non hanno cali di concentrazione e se una passa avanti, l’altra controbatte immediatamente (11-11). Nel quarto set l’equilibrio è assoluto (19-19) fino a quando Ravenna riesce a passare avanti di due lunghezze (19-21). Baronissi non molla e ritrova la parità (22-22). Ancora avanti Ravenna (22-24) con le padrone di casa che annullano due set ball (24-24) e con freddezza chiudono i conti ed evitano l’ulteriore tie break stagionale (26-24).

Le dichiarazioni del dopo-gara
Simone Angelini (tecnico Conad Ravenna): «Oggi abbiamo attaccato abbastanza male, non abbiamo messo giù la palla con regolarità, mentre i nostri avversari hanno difeso abbastanza bene. Hanno schierato in campo due giocatrici che di solito non giocano e, senza stravolgere la loro tattica, hanno fatto la loro partita, facendo le cose per bene. Noi siamo partiti contratti, non siamo stati troppo bravi in attacco e nei momenti decisivi non abbiamo rischiato in battuta. Prima di scendere in campo c’eravamo detti di provare a farli ricevere male, concedendoci anche qualche errore in servizio. Alla prova del campo però questa idea non ha avuto successo. Di positivo c’è che abbiamo forzato un po’ il gioco con i centrali e non è andata male. Alla fine però il rammarico è grande perché nel quarto set, quando eravamo avanti 24 a 22, potevamo portarli al quinto set e fare qualche punto al tie break. Tuttavia Baronissi è una squadra che è già andata quattro volte al tie break e questo significa che non molla mai. Noi alla fine non siamo riusciti a mettere giù la palla nel momento che contava mentre Baronissi ha fatto il suo gioco e ha ottenuto il risultato pieno».

Risultati (settima giornata): Delta Informatica Trentino-Club Italia Crai 3-1, Battistelli San Giovanni in Marignano-Ubi Banca San Bernardo Cuneo 0-3, Fenera Chieri-Savallese Millennium Brescia 2-3, Sorelle Ramonda Ipab Montecchio-Golden Tulip Volalto Caserta 3-0, Barricalla Collegno-Lpm Bam Mondovì 0-3, P2P Givova Baronissi-Conad Olimpia Teodora Ravenna 3-1, Bartoccini Gioiellerie Perugia-Golem Olbia 0-3, Sigel Marsala-Zambelli Orvieto 0-3. Riposa: Volley Soverato.

Classifica: Cuneo 19 punti; San Giovanni in Marignano 17; Soverato*, Trento e Mondovì 13; Ravenna, Chieri e Club Italia 12; Brescia 9; Montecchio*, Olbia e Baronissi 8; Orvieto* 7; Collegno* e Perugia* 6; Caserta* 4; Marsala* 1 (*una gara in meno).

WIND BILLB MID1 01 – 24 08 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 08 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20