126 – Quattro scene per Sant’Apollinare

Sant'Apollinare MartireDell’antico mosaico medievale voluto dall’arcivescovo Geremia per l’abside della Basilica Ursiana sopravvivono sei frammenti custoditi nel Museo Arcivescovile di Ravenna, varie descrizioni e un’incisione edita nell’opera di Gianfrancesco Buonamici, La metropolitana di Ravenna.
È soprattutto grazie a questa incisione che possiamo ricostruire il ricco programma iconografico di quest’opera monumentale datata 1112 e purtroppo perduta nella prima metà del XVIII secolo durante i lavori della nuova basilica cattedrale commissionati dall’arcivescovo Maffeo Niccolò Farsetti.
Tra i temi proposti – centrali erano quelli relativi alla risurrezione e ascensione di Cristo – ampio spazio era destinato alla gloriosa storia della Chiesa ravennate, qui celebrata nelle figure di alcuni santi e soprattutto dei suoi primi dodici vescovi, con una particolare attenzione al protovescovo Apollinare. Egli compariva nel registro inferiore al centro della schiera dei santi, in un’iconografia molto vicina a quella visibile alla basilica di Sant’Apollinare in Classe, ma soprattutto era raffigurato in quattro ampi riquadri che mostravano episodi salienti della sua vicenda agiografica: l’invio a Ravenna da parte dell’apostolo Pietro, i miracoli da lui compiuti e, nell’ultimo riquadro, il martirio e la sepoltura.
Quest’ultima scena merita particolare attenzione perché di essa rimane un piccolo frammento musivo riguardante la figura di chi aveva il compito di sigillare la tomba del Santo antiocheno.

STUDIO MARTINI ADV FLESSIBILITA LEAD TOP 19 – 25 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 10 20
REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB BOTTOM 19 10 – 11 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20