È morto il direttore di Romagna Acque: era ricoverato per coronavirus, aveva 64 anni

L’ingegnere ravennate Andrea Gambi nel 2012 era entrato nella società pubblica di gestione delle fonti potabili. Lascia la moglie e un figlio

ROMAGNACQUE

Andrea Gambi

L’ingegnere ravennate Andrea Gambi, direttore generale della società pubblica Romagna Acque, è morto all’età di 64 anni in ospedale a Ravenna dove era ricoverato per coronavirus. Il decesso è avvenuto nella notte tra il 24 e il 25 marzo, il manager era in terapia intensiva da dieci giorni.

Gambi entrò nel 2012 a Romagna Acque, società proprietaria di tutte le fonti idropotabili per usi civili della Romagna, ed è stato amministratore delegato fino al dicembre 2017; dal gennaio 2018, vincendo un concorso è diventato direttore generale.

Ravennate, ingegnere civile, allievo del professor Piero Pozzati, da quasi trent’anni Gambi svolgeva attività manageriale, a partire dal settore delle costruzioni: entrato in Acmar nel 1983, vi rimase fino al dicembre 2005 come direttore esecutivo, prima di passare all’Iter, dove fu direttore generale fino a metà 2012.

Gambi lascia la moglie, stimata insegnante in un liceo ravennate, e il figlio, giovane ingegnere. A loro va l’abbraccio del cda dell’azienda, a nome dell’intera società.

RISTORANTE MARRAKECH BILLBOARD 03 – 23 01 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 01 22
REGIONE ER VACCINI BILLB 14 12 21 – 31 01 22