Soundscreen, il festival tra cinema e musica, torna a Ravenna dal 26 settembre

Confermata la quinta edizione. Tra le anticipazioni Spaccamonti e Moro alle prese con il classico “Vampyr”

PaoloeRamon Vampyr 1 Foto IvanCazzola

Paolo Spaccamonti e Ramon Moro

Torna, nel pieno rispetto delle prescrizioni sanitarie anti Covid-19, Soundscreen Film Festival, che conferma la sua quinta edizione dal 26 settembre al 3 ottobre a Ravenna.

DE STEFANI NUOVO SERVICE SELECT – MRT 14 10 – 31 12 21

Soundscreen è uno dei pochi festival cinematografici europei dedicati interamente al rapporto tra cinema e musica. Dalla fiction al biopic, dai documentari al genere musical, SSFF propone opere ed eventi in cui la musica è protagonista.

Ideato e diretto da Albert Bucci, organizzato dall’Associazione Culturale Ravenna Cinema in collaborazione con il Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, con il contributo del MIBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Soundscreen annuncia la possibilità di svolgere l’intera nuova manifestazione in presenza (presso il centrale Palazzo del Cinema e dei Congressi di Largo Firenze 1) ma con la possibilità di spostare parte della programmazione online per raggiungere un vasto pubblico.

FAMILA MRT 02 – 09 12 21

Il Concorso Internazionale per lungometraggi, che presenterà il meglio della recente produzione filmica mondiale a tema, è l’evento principale di questa edizione. Al suo fianco il Concorso Internazionale per Cortometraggi, le anteprime e gli appuntamenti speciali, omaggi e retrospettive, sino alla parte più innovativa e sperimentale del Festival, gli Eventi Satellite, ovvero i grandi classici del cinema sonorizzati dal vivo dai migliori musicisti della scena indie italiana.

Almeno 5 i cine-concerto previsti quest’anno. Tra le anticipazioni, il compositore e chitarrista Paolo Spaccamonti e il trombettista Ramon Moro musicheranno il capolavoro di un grande maestro del cinema nordico, Vampyr (1932) di Carl Theodor Dreyer. Il duo trasforma il film – ispirato a Carmilla di Sheridan Le Fanu, una delle più famose novelle sul vampirismo femminile – in un’esperienza visiva e sonora che restituisce al pubblico contemporaneo tutto il mistero e l’inquietudine di un horror onirico e sensuale che ha influenzato l’immaginario di generazioni di cineasti e cinefili.

DESTAUTO COMPRO USATO MRMID 01 – 31 12 21
ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
REGIONE ER GARANTI 2 BILLB 29 11 – 19 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21