Soundscreen, il festival tra cinema e musica, torna a Ravenna dal 26 settembre

Confermata la quinta edizione. Tra le anticipazioni Spaccamonti e Moro alle prese con il classico “Vampyr”

PaoloeRamon Vampyr 1 Foto IvanCazzola

Paolo Spaccamonti e Ramon Moro

Torna, nel pieno rispetto delle prescrizioni sanitarie anti Covid-19, Soundscreen Film Festival, che conferma la sua quinta edizione dal 26 settembre al 3 ottobre a Ravenna.

Soundscreen è uno dei pochi festival cinematografici europei dedicati interamente al rapporto tra cinema e musica. Dalla fiction al biopic, dai documentari al genere musical, SSFF propone opere ed eventi in cui la musica è protagonista.

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

Ideato e diretto da Albert Bucci, organizzato dall’Associazione Culturale Ravenna Cinema in collaborazione con il Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, con il contributo del MIBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Soundscreen annuncia la possibilità di svolgere l’intera nuova manifestazione in presenza (presso il centrale Palazzo del Cinema e dei Congressi di Largo Firenze 1) ma con la possibilità di spostare parte della programmazione online per raggiungere un vasto pubblico.

Il Concorso Internazionale per lungometraggi, che presenterà il meglio della recente produzione filmica mondiale a tema, è l’evento principale di questa edizione. Al suo fianco il Concorso Internazionale per Cortometraggi, le anteprime e gli appuntamenti speciali, omaggi e retrospettive, sino alla parte più innovativa e sperimentale del Festival, gli Eventi Satellite, ovvero i grandi classici del cinema sonorizzati dal vivo dai migliori musicisti della scena indie italiana.

Almeno 5 i cine-concerto previsti quest’anno. Tra le anticipazioni, il compositore e chitarrista Paolo Spaccamonti e il trombettista Ramon Moro musicheranno il capolavoro di un grande maestro del cinema nordico, Vampyr (1932) di Carl Theodor Dreyer. Il duo trasforma il film – ispirato a Carmilla di Sheridan Le Fanu, una delle più famose novelle sul vampirismo femminile – in un’esperienza visiva e sonora che restituisce al pubblico contemporaneo tutto il mistero e l’inquietudine di un horror onirico e sensuale che ha influenzato l’immaginario di generazioni di cineasti e cinefili.

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 – 30 11 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
REGIONE ER LAVORO LEADERB MID1 12 – 29 11 20