Le “forme” di Nino Caruso nella nuova grande mostra del Mic di Faenza

Open day nel pomeriggio del 27 maggio. Esposte fino a ottobre un centinaio di opere dell’artista, designer e scrittore, noto più all’estero che in Italia

Nino Caruso Ceramiche Mic

Dopo circa due anni, la mostra omaggio a Nino Caruso che il Mic ha organizzato insieme ai musei giapponesi di Kyoto e Mino arriva (dal 28 maggio) finalmente a Faenza con la curatela di Claudia Casali, Tomohiro Daicho e con il supporto dell’Archivio Nino Caruso.

La mostra antologica di ampio respiro racconta un percorso di oltre 50 anni. Circa un centinaio di opere a documentare l’intensa attività di questo protagonista della ceramica, meglio noto all’estero che non in Italia.
Caruso fu artista, ceramista, designer, scrittore; a lui si devono i primi scritti divulgativi sull’arte del fare ceramica, tradotti in tutto il mondo. La sua biografia delinea la vitalità di un personaggio sempre alla ricerca di nuove esperienze artistiche e produttive.
La sua ampia produzione mostra un’attenzione particolare alle tematiche dell’antico applicate alla modernità. Già dai lavori degli esordi, negli anni ’50, considerati primitivi e picassiani, emerge uno studio sulla tradizione rivisitata successivamente nelle produzioni più legate al design, all’applicazione in spazi urbani e architettonici. La sua passione per l’arte etrusca gli vale importanti riconoscimenti con opere collocate in spazi pubblici in omaggio a questa significativa civiltà.

Il 27 maggio, dalle 14 alle 19, open day ad ingresso gratuito. La mostra resterà poi aperta dal 28 maggio al 10 ottobre.

RECLAM IL TEATRO FA CENTRO BILLB 22 11 – 31 12 22
CNA PARTI COL PIEDE GIUSTO BILLB 17 10 – 25 12 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
ASER LEAD BOTTOM 01 09 – 31 12 22