L’OraSì si inchina alla Virtus Roma e fallisce il primo match point. Domenica gara4

Basket A2 playoff / In gara3 degli ottavi playoff i ravennati cadono in modo netto in casa dei laziali, che così dimezzano lo svantaggio nella serie. Domenica il prossimo appuntamento, sempre nella capitale

Roma-Ravenna 90-79
(26-13, 52-36, 77-55)
VIRTUS ROMA: Brown 19, Raffa 17, Benetti ne, Piccolo ne, Lentini ne, Maresca 10, Chessa 14, Sandri, Baldasso 3, Landi 27, Vedovato. All.: Corbani.
ORASI’ RAVENNA: Smith 7, Scaccabarozzi ne, Sgorbati 11, Chiumenti 15, Raschi 4, Masciadri 7, Tambone 10, Crusca 3, Seck ne, Sabatini 22. All.: Martino.
ARBITRI: Moretti di Marsciano, Scrima di Catanzaro e Catani di Pescara.
NOTE – Roma: T2 21/37 (57%), T3 11/25 (44%), TL 15/17 (88%), rimbalzi 39 (6+33), assist 24; Ravenna: T2 24/47 (51%), T3 7/22 (32%), TL 10/16 (63%), rimbalzi 32 (7+25), assist 12.

Matteo Tambone

Il giallorosso Matteo Tambone

Niente da fare a Roma per l’OraSì, che cade in maniera netta in gara3 degli ottavi playoff, riaprendo così di fatto la serie. I ravennati si inchinano alla Virtus al termine di un match in cui sono stati sempre costretti a inseguire, fin dal primo quarto, dove sono “doppiati” dai padroni di casa laziali. La squadra di Corbani dimezza così lo svantaggio, con Raschi e compagni che comunque conducono con due vittorie contro una e domenica, sempre al PalaTiziano (ore 18), avranno la seconda possibilità di chiudere il conto e approdare ai quarti senza passare dallo spareggio, da disputare nel caso al Pala De André. Sul bilancio finale del match non può che pesare l’assenza di Marks, che ha ridotto le rotazioni dei giallorossi contro un avversario che ha condotto con autorità i primi tre parziali (unico sussulto nel secondo quarto, con il quintetto di Martino che si è trovato a -1), concedendo una piccola rimonta ai ravennati solo nell’ultimo quarto, utile nel limitare un passivo altrimenti più pesante. A fare la differenza a favore dei padroni di casa, inoltre, è la grande prestazione di Landi, in doppia doppia con 27 punti e 12 rimbalzi. Si mescolano le carte anche nel quarto di finale che definisce l’avversario della vincitrice della sfida tra Virtus e OraSì, con Verona che batte Biella e ora si trova sotto di 2-1.

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

La partita Roma entra subito in campo con l’energia giusta e scatta 10-2 grazie a 8 punti con due triple di Raffa. L’OraSì fatica a reagire e al 5’ incassa la bomba di Chessa per il 17-5, con la Virtus che allunga poi a +15 (26-11) grazie a Maresca. Ravenna sbaglia troppi tiri, ma il canestro di Chiumenti poco prima della sirena vale il 26-13 di fine quarto. Gli ospiti allungano il parziale positivo in apertura di secondo periodo e con la bomba di Raschi tornano a -8 sul 26-18. Landi prova a rispondere ancora da dietro l’arco, ma l’energia di Sabatini guida la rimonta con 8 punti e la schiacciata di Smith firma addirittura il -1 sul 29-28 (3-17 di parziale). Roma sembra in difficoltà anche a causa del terzo fallo commesso da Brown e l’OraSì spreca anche l’occasione del sorpasso, ma i padroni di casa ritrovano il controllo della partita grazie a Landi, che prima segna da 3, poi guadagna tre liberi sul secondo fallo di Smith. L’ulteriore bomba in transizione di Baldasso vale il 40-28 (11-0 di parziale), poi i padroni di casa allungano fino al +17 sul 52-35 prima che un libero di Chiumenti fissi il punteggio sul 52-36 sul quale le squadre tornano negli spogliatoi. In apertura di terzo quarto non cambia l’inerzia del match e Roma tocca il +21 (60-39) dopo un tecnico fischiato al coach Martino. Ravenna prova a scuotersi, ma due bombe di Chessa la tengono a distanza (68-47) e Landi segna due volte il massimo vantaggio di +22, prima sul 70-48, poi con la tripla sul 77-55 dell’ultimo intervallo. Il quarto periodo è tutto targato OraSì, che con un gran parziale di 2-17 guidato da Chiumenti torna addirittura a -7 sul 79-72 appena dopo il 5’. È però ancora Landi a spegnere le speranze di una incredibile rimonta con due triple che riportano i padroni di casa a +12 sull’86-74. Gli ultimi sussulti sono targati Sgorbati, ma Ravenna deve cedere per 90-79.

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 11 – 31 12 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 – 31 12 20
ASER LEAD BOTTOM 30 11 – 20 12 20
REGIONE ER LEGALITA LEAD 30 11 – 31 12 20