Accoltellamento in centro, 45enne arrestato: lite per soldi nel giro dello spaccio

L’aggressione è cominciata ai tavoli di un bar nei pressi di piazza San Francesco. Il ferito è stato colpito al torace: operato, non è in pericolo di vita. L’aggressore è in Italia dal 1994, vanta 39 fotosegnalamenti e una ventina di nomi. Nel 2009 avviate le pratiche per l’espulsione

IMG 0829

L’attimo della coltellata sferrata al tavolino del bar nelle immagini delle telecamere di sorveglianza

Un 45enne tunisino è stato arrestato dalla polizia a Ravenna nella notte tra il 9 e il 10 maggio perché ritenuto l’autore dell’aggressione andata in scena sotto i portici di via Corrado Ricci nel tardo pomeriggio dell’8 maggio: un 23enne tunisino è stato colpito al torace da una coltellata, sferrata con una lama di una trentina di centimetri (come si vede dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza ma l’arma non è stata ritrovata). Il giovane è ricoverato in ospedale dopo essere stato operato: non è in pericolo di vita. Secondo la ricostruzione della squadra mobile che ha svolto le indagini, l’episodio sarebbe da collocare nella cornice della microcriminalità: entrambi i protagonisti infatti sono noti alle forze dell’ordine, vivono di espedienti, in particolare nel giro dello spaccio. Il movente esatto non è ancora stato accertato con precisione. La vittima, ascoltata dagli inquirenti in ospedale, parla di un litigio scoppiato per un prestito di denaro ma non entra più nel dettaglio.

L’arrestato è Ben Khemai Helmi, accusato di tentato omicidio e porto abusivo di oggetti atti a offendere. È entrato in Italia da irregolare arrivando nel 1994 a Agrigento. Presto si è trasferito verso nord, da una quindicina di anni a Ravenna dove molti lo conoscono con il soprannome “il vecchio”. Ha ottenuto la carta di soggiorno sposando una italiana residente a Faenza (i due si sono presto lasciati). Non è solo lo spaccio l’ambiente in cui si muove: il curriculum criminale conta 39 fotosegnalamenti in uffici di polizia, una ventina di diversi alias forniti al momento dell’identificazione, 18 provvedimenti definitivi dell’autorità giudiziaria. Dal 2009 l’ufficio immigrazione ha avviato le pratiche per la revoca della carta di soggiorno. Nelle scorse settimane è arrivato l’ok per l’accompagnamento coatto alla frontiera e il rientro in patria.

La lite è cominciata ai tavolini di un bar sotto i portici di via Corrado Ricci. A un certo punto è degenerata e il 45enne si è alzato sfoderando la lama: ha assestato un primo fendente andato a vuoto anche grazie alla prontezza dell’aggredito. Che si è alzato e si è allontanato temendo il peggio: non è bastato perché l’altro l’ha raggiunto e al secondo tentativo ha piantato la lama nel torace del più giovane poi dileguandosi mentre il ferito veniva soccorso da un conoscente e aiutato a raggiungere la farmacia di piazza XX settembre dove ha chiesto aiuto.

L’arresto, come detto, è arrivato nel corso della notte: la polizia era sulle sue tracce a partire dalle prime ore dopo l’aggressione, avendo raccolto alcune informazioni nel giro dello spaccio. I controlli in sette abitazioni del territorio dove vivono conoscenti o parenti di Helmi hanno dato esito negativo, trovando anche scarsa collaborazione per rintracciare il 45enne. Ma quando è ricomparso nella zona di via Grado in sella a una bicicletta è stato raggiunto e catturato da una delle pattuglie che erano state dislocate sul territorio alla sua ricerca. Non è chiaro dove abbia passato le 24 ore di fuga, è stato avvistato a Lido Adriano e di certo ha potuto contare su qualche appoggio perché i poliziotti l’hanno trovato vestito in maniera diversa rispetto a quanto si vede nelle telecamere.

ACCADEMIA DEL MUSICAL BILLB 17 09 – 04 10 20
CONSAR HOME BILLB 08 – 30 09 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 09 20
REGIONE ER SCUOLA SICURA LEADERB BOTTOM 14 – 30 09 20