Torna la musica elettronica nell’ex discoteca e nell’ex magazzino di Cervia

Tra i protagonisti del Modulo Fest anche Robert Lippok, tra i nomi storici della scena berlinese

Woodpecker Panoramica CopiaDa venerdì 15 a domenica 17 giugno va in scena la quarta edizione del Modulo Fest, il festival curato dal collettivo Magma con l’obiettivo di riqualificare luoghi simbolo della riviera romagnola tramite musica sperimentale e arte contemporanea. Quest’anno la rassegna, resa possibile grazie alla collaborazione del Comune di Cervia, torna in due spazi emblematici, già “rianimati” e resi protagonisti delle precedenti edizioni: il Magazzino Darsena di Cervia e l’ex discoteca Woodpecker di Milano Marittima.

Si parte venerdì 15 al  Darsena, l’immenso magazzino del sale in vista di riqualificazione, affacciato su piazzale dei Salinari lungo il canalino. Sul palco Robert Lippok, uno dei nomi più influenti della scena sperimentale berlinese, musicista, artista audiovisivo e stage designer. Nella stessa sera Sissel Wincent, giovane producer e dj svedese che fa parte del Drömfakulteten, collettivo che promuovere artisti femminili e transgender. Infine gli italiani Weightausend e Krolik.

CIVICO 11 HOME MRT 05 – 19 12 19

Il giorno seguente, sabato 16, seconda serata al Magazzino Darsena. Ospite il francese Kanding Ray, architetto di formazione, che è cresciuto come chitarrista e batterista in gruppi le cui influenze spaziavano dal noise-rock al jazz, prima di acquistare un campionatore e passare alla musica elettronica come produttore. Sarà preceduto da Nene H., nata a Istanbul e cresciuta ad Izmir, che prima di fermarsi a Berlino si è formata a Stoccarda studiando pianoforte e composizione. In apertura di serata la francese Laura BCR e Holy Similaun dall’Italia.

E nell’anno in cui il bando per la riqualificazione dell’ex discoteca Woodpecker è stato aggiudicato, prospettando anni di restyle per l’avveniristica architettura progettata negli anni ’60 dall’architetto faentino Filippo Monti, il Modulo Fest offrirà ancora una volta l’opportunità di ammirare – inalterato – un luogo entrato in simbiosi con la natura, nonostante le incursioni umane tra rave party anni ’90 e il grafito dello street artist Blu. Domenica 17 giugno il festival si chiude con JASSS. È il nome d’arte di Silvia Jiménez Alvarez, spagnola di nascita ma berlinese di adozione. Silvia nel suo percorso artistico si è avvicinata alla cinematografia più sperimentale grazie alla sua passione per il field-recordings per poi arrivare nel 2015 a vestire i panni da dj con il nome d’arte attuale. Le sue radici della giovinezza punk e hardcore si sono evolute tuffandosi all’interno del mondo industrial, dub e di suoni sperimentali approfondendo da anni la relazione che c’è tra musica e persone.

Per entrare al festival è possibile acquistare un biglietto giornaliero di 10 euro, oppure è possibile fare un abbonamento per le tre giornate a 20 euro.

OASI BEACH – BILLB MID1 09 – 15 12 19
ASER LEAD MID2 02 – 31 12 2019
COFARI HOME LEAD MID2 25 11 – 15 12 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19