Un’arena da 540 posti sul prato di Classis per concerti, teatro e incontri

Lo spazio ideato per una lunga rassegna estiva di eventi dal vivo a Classe, con le adeguate misure di sicurezza

Classis PratoCon le norme che impongono il distanziamento sociale di un metro e riducono la capienza per gli eventi al chiuso a un massimo di duecento persone, le rassegne culturali estive vanno a caccia di spazi all’aperto dove il limite di spettatori sale a mille. Per Ravenna la novità della stagione post Covid sarà un’arena da 540 posti distributi su quattromila mq (metà di un campo da calcio) sul prato del museo Classis: ospiterà concerti, spettacoli teatrali e presentazioni di libri per due mesi a partire dal 30 giugno, con in apertura un evento musicale in anteprima del festival “Ravenna Jazz”.

L’organizzazione logistica sarà in mano a Ravennantica che gestisce anche il museo dedicato al territorio e inaugurato a fine 2018. «Non siamo nuovi a questo tipo di iniziative – spiega Sergio Fioravanti, direttore della Fondazione –. Da sempre cerchiamo di organizzare momenti di interesse culturale non strettamente legati alle nostre esposizioni, per dare nuovi spunti e magari ampliare la platea di chi poi si avvicina alle nostre iniziative più specifiche. Con gli eventi estivi serali abbiamo iniziato a Tamo e da qualche anno siamo passati all’Antico Porto di Classe dove avevamo duecento posti. Il piano per quest’anno era di restare lì ma aumentare fino a quattrocento. Poi è arrivato il coronavirus e con le nuove regole quei numeri non erano possibili».

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

Il piano B è diventato Classis dove c’è già un precedente: a vedere Lino Guanciale e Marco Morandi a giugno del 2019 andarono in seicento, con le sedie che occupavano una minima parte di quella che occuperanno i 540 posti del 2020. «In linea teorica potrebbero starci molte più persone ma la gestione degli afflussi diventerebbe troppo complessa».
Sul prato di fronte al palco saranno disposte le sedie senza altre strutture, tutte distanziate di un metro senza distinzioni per estranei o conviventi per praticitià organizzativa. Prenotazione obbligatoria dei biglietti, all’ingresso verrà misurata la temperatura corporea grazie alla collaborazione del personale della Croce Rossa. Per accedere all’area spettacoli bisognerà indossare la mascherina, ma una volta seduti se ne potrà fare a meno». Per l’accesso e il deflusso degli spettatori ci sarà l’aiuto dei volontari del comitato cittadino. In caso di maltempo gli eventi verranno cancellati con rimborso dei ticket.
Fioravanti resta abbottonato sul calendario – che sarà presentato al pubblico verso fine giugno – ma alcuni appuntamenti sono già stati annunciati da diretti interessati come ad esempio gli incontri con autori di libri per la rassegna “Scrittura Festival” curata da Matteo Cavezzali. Da altre fonti inoltre si apprende che all’arena faranno tappa due concerti del Bronson, spettacoli teatrali di Accademia Perduta, di Ravenna Teatro e i burattini di “Arrivano dal Mare, eventi di danza contemporanea dell’associazione Cantieri e di musica classica con la Young Europea Orchestra diretta da Paolo Olmi…
«I costi della realizzazione saranno a carico di Ravennantica – precisa Fioravanti –, con le entrate dalla bigliettazione contiamo di rientrare delle spese. Durante gli eventi il museo sarà chiuso ma nel costo di ogni biglietto è compreso l’ingresso a Classis negli orari di apertura».

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 – 30 11 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
REGIONE ER LAVORO LEADERB MID1 12 – 29 11 20