Al Ravenna Festival un “Buon Compleanno Mina” …in jazz

Stasera 23 giugno, alla Rocca, concerto del trio Rea-Moriconi-Golino dedicato all’icona della canzone italiana. Con Massimiliano Pani nel ruolo di narratore

Rea Moriconi GolinoQuello che si tiene martedì 23 giugno alla Rocca Brancaleone non sarà un semplice concerto, ma un vero e proprio omaggio a una delle icone della canzone italiana, anzi per molti l’Icona. Sarà un omaggio particolare, in chiave jazz, con tre tra i più titolati musicisti che con la “Tigre di Cremona” (passata alla storia così, ma in realtà nata nel varesotto, a Busto Arsizio) vantano lunga collaborazione.
A rafforzare l’idea, accanto a Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino, ci sarà Massimiliano Pani, produttore, compositore, musicista, nonché primogenito e assiduo partner artistico della stessa cantante. Pani svolgerà il ruolo di narratore, inserendosi con dettagli biografici, ricordi e piccoli aneddoti sulla celebre madre fra “Tintarella di luna”, “E se domani”, “Parole parole”, “La banda” e un tributo a Lucio Battisti.

«Mina è diventata negli anni l’interprete di riferimento per molti generi e stili musicali, più di ogni altro artista prima di lei. Per poter raggiungere il suo obbiettivo, ha intuito molto presto che aveva bisogno di musicisti che avessero il suo stesso approccio alla musica. Mina è stata la prima a ricorrere a musicisti di estrazione jazzistica per suonare in dischi non necessariamente di jazz. Musicisti colti, ma eclettici, veri fuoriclasse capaci di calarsi nei diversi mondi musicali necessari – racconta lo stesso Massimiliano Pani –. Alfredo Golino, Massimo Moriconi e Danilo Rea hanno suonato per Mina e registrato i suoi progetti musicali in centinaia e centinaia di straordinarie takes sempre diverse e sempre coraggiosamente piene di musica di qualità.. un vero caleidoscopio di straordinarie registrazioni per la maggior parte in trio “live in studio”. Jazzisti nell’anima, ma capaci di suonare ogni singolo pezzo di ogni genere nel modo giusto. Questo trio di straordinari performers è il nucleo base dei dischi di Mina. Sulle loro ritmiche poderose sono costruiti gli arrangiamenti, aggiungendo e armonizzando gli altri strumenti con le loro intuizioni guida».

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

Il trio Rea – Moriconi – Golino, tutti jazzisti di lungo corso con alle spalle anche sodalizi con illustri uomini del jazz d’oltreoceano, ha registrato qualche mese prima dell’80esimo compleanno di Mina l’album Tre per una, nato da un precedente invito a suonare, proprio a Cremona, le canzoni rese inconfondibili da un’interprete unica, sfrontata, inimitabile seducente come poche altre o altri al mondo.
Ma al contrario di certe dicerie, nelle parole di Danilo Rea, Mina è «una persona dolcissima, sempre presente anche come amica nei momenti più particolari. E di estrema sensibilità. Di temperamento, certo. In musica il temperamento è tutto. Ma la sua sensibilitá l’ha portata a certe scelte difficili come quella di non apparire in pubblico da un certo momento in poi della sua vita artistica e professionale».
«Nell’arco di 25 anni abbiamo suonato forse 200 brani fra originali e standards. Oltre agli evergreen, lei infatti selezionava nuove canzoni dal materiale di quanti le scrivevano da tutto il mondo – continua il pianista romano, per anni anche collaboratore di Caudio Baglioni –. Caso vuole che Mina abbia iniziato a far musica prima di noi. Ed allora si è deciso di partire da quanto era avvenuto prima, negli anni d’oro, i ‘60 / ‘70. L’album del nostro trio è in effetti anche un omaggio ai grandi compositori che hanno scritto all’epoca per lei. Parliamo di compositori come Gianni Ferrio e Bruno Canfora, autori che erano oltretutto direttori d’orchestra, come del resto Armando Trovajoli, che veniva invitato a vari festival jazz del suo tempo».
Insomma, non resta che lasciarsi avvolgere da melodie senza tempo, dalle invenzioni di tre jazzisti doc e da un narratore d’eccezione.
Il tutto con al centro Lei.

L’appuntamento si realizza con il contributo di Reclam Edizioni e Comunicazione, che anche quest’anno  – e in tempi record – ha preparato il magazine ufficiale del Festival. Il concerto sarà anche in diretta streaming su www.ravennafestival.live.

L’articolo è tratta dal “Ravenna Festival Magazine”, la rivista ufficiale della manifestazione ravennate pubblicata dalla nostra società editrice, disponibile anche in versione digitale

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 – 30 11 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 11 20
REGIONE ER LAVORO LEADERB MID1 12 – 29 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20