La Cgil: «Polizia sotto organico e le assunzioni programmate saranno insufficienti»

In servizio a Ravenna nel biennio 2018/2019 un totale di venti nuovi agenti ma il numero non basta nemmeno a sostituire quelli andati in pensione

2018.10.20 Digos Espulsione Straniero[236348]I venti nuovi agenti assegnati a Ravenna (12 già assunti nel 2018, otto che arriveranno a febbraio) non compenseranno le uscite previste, producendo un saldo negativo rispetto alle uscite. Dodici infatti i pensionamenti nell’anno appena trascorso a cui si aggiungeranno quelli del 2019 e le uscite di personale degli agenti che a breve saranno trasferiti ad altre province (due o tre unità). Questi numeri sono forniti dalla Silp Cgil che manifesta una forte preoccupazione per gli organici, sottolineando che anche a livello nazionale le misure predisposte dagli ultimi due governo sono del tutto insufficienti.

«A ciò si aggiunge- continua il sindacato –  il fatto che da un’analisi dei piani di assunzioni straordinari quinquennali di forze di polizia (Polizia di Stato, Penitenziaria, Carabinieri e Finanzieri) appare del tutto evidente che i futuri organici saranno insufficienti». In totale le ultime due leggi di bilancio (governo Gentiloni e Conte) prevedono in tutta Italia, fino al 2023, l’assunzione di 4.450 nuovi agenti che «non riusciranno nemmeno a compensare le uscite dovute ai pensionamenti, che ogni anno superano di molto le mille unità».
Per consentire una vera implementazione degli organici della Polizia di Stato «sarà necessario procedere nei prossimi anni a ulteriori, massicce assunzioni rispetto a quanto al momento programmato” e proprio per questo motivo il Silp Cgil ha chiesto, “per primo e da tempo, sia al precedente governo che al nuovo esecutivo un provvedimento specifico per le assunzioni e lo scorrimento delle graduatorie del concorso pubblico per 1.148 allievi agenti indetto nel 2017».

CONAD RAVENNA FEBBRAIO – HOME MRT2 01 – 24 02 19

Risponde Gianni Tonelli, segretario generale aggiunto del Sindacato autonomo di polizia (Sap) e deputato della Lega: «È il colpo di coda di una politica infausta realizzata dai precedenti governi che hanno continuamente tagliato sulla sicurezza e che hanno debilitato l’intero apparato in tutto il Paese. Ravenna non si sottrae a questo destino, ma per fortuna, in questa legge di bilancio, vi è stata un’inversione totale di tendenza. Non dobbiamo dimenticare che nel luglio 2016, la Legge Madia, aveva pianificato il taglio di 45.000 uomini nelle Forze dell’Ordine, mandando al collasso operativo il sistema e costringendo le varie forze di polizia a programmare la chiusura di una infinità di uffici. A Ravenna ad esempio, è stata abolita la squadra nautica e dovrà essere smantellata; era prevista la chiusura del nucleo di Polizia Postale e altri uffici di polizia stradale, compreso il commissariato di Lugo di Romagna. Questa finanziaria invece ha stanziato, con un’inversione totale di tendenza e con l’attenzione e pressione del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, 700 milioni di euro proprio per il comparto sicurezza, prevedendo, per i prossimi cinque anni, l’assunzione straordinaria di 6150 operatori nelle forze di Polizia».

DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19