A Bellaria la grande “festa” del cinema documentario

L’edizione numero 35 dedicata al critico Alberto Farassino. Tra gli ospiti anche Bollani

Manifesto 70X100 BFF Ok

Il manifesto del festival con la grafica di Simone Tribuiani e la foto di Valentina D’Accardi

Si svolgerà nel nome e nel ricordo del critico cinematografico Alberto Farassino l’edizione numero 35 del Bellaria Film Festival, rassegna unica nel suo genere che dal 25 al 28 maggio esplorerà l’immensa varietà del mondo del cinema documentario. A Farassino, tra i grandi della critica italiana, il festival dedicherà un omaggio presentando la speciale riedizione, a cura di Cue Press, di uno dei suoi titoli principali: Neorealismo. Cinema italiano 1945-1949.

Cuore della manifestazione sono i concorsi Italia Doc e Casa Rossa Art Doc con 18 titoli in competizione, che saranno proiettati tra il Cinema Astra, da sempre casa del festival, e il vicino Cinema Smeraldo. Ben sette le prime visioni italiane.

CONAD BIRRA POETA HOME MRT2 24 – 26 06 19

I film in concorso saranno presentati dai registi e da alcuni dei protagonisti. Tra questi il fotografo Guido Guidi (Guido Guidi. Cose da nulla), l’attrice Imma Dininni (Imma) e il poeta Guido Catalano (Sono Guido e non guido).

Come sempre, non sarà solo il cinema ad animare le giornate del Bellaria Film Festival. Ospite d’onore è il grande musicista Stefano Bollani, che domenica 28 maggio chiuderà il festival nella suggestiva cornice del Parco culturale del Museo “La Casa Rossa” di Alfredo Panzini accompagnando al pianoforte uno dei capolavori di Buster Keaton, Come vinsi la guerra, con un’inedita colonna sonora composta ed eseguita in tempo reale. Tra gli altri eventi collaterali, la presentazione del docufilm Ustica. Il missile francese (giovedì 25 maggio, Cinema Astra); Isola di fuoco, evento crossmediale in cui le sonorità di Colapesce incontrano le immagini di Vittorio De Seta (venerdì 26 maggio, Cinema Astra); e la prima assoluta di Ascoltate! Romagna Relax, intervento performativo della compagnia Menoventi (Hotel Ermitage, sabato 27 maggio).

La giuria del #BFF35 è composta da Natalie Cristiani (regista, vincitrice nel 2016 del Bellaria Casa Rossa Art Doc con La Artefacta); Alberto Lastrucci (direttore Festival dei Popoli); Marco Migani aka Inserire Floppino (musicista e artista visivo); Enza Negroni (regista, presidente D.E-R Documentaristi Emilia Romagna). Presidente di giuria il regista Gianfranco Pannone, cui il festival dedicherà un omaggio con la proiezione del suo ultimo lavoro, Lascia stare i santi (domenica 28 maggio, ore 18.30), un viaggio in Italia lungo un secolo nella devozione religiosa popolare accompagnato dalle musiche di un maestro come Ambrogio Sparagna e dalle voci di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni. Le premiazioni si svolgeranno domenica 28 maggio nel Parco culturale “La Casa Rossa” di Alfredo Panzini prima del concerto di Stefano Bollani.

Tra le novità di questa edizione, il festival sbarca a Roma dall’8 all’11 giugno al Cinema Farnese. Protagonisti di questa quattro giorni saranno i film vincitori del #BFF35, ovvero i migliori film dei concorsi Italia Doc e Casa Rossa Art Doc, insieme alle opere vincitrici della Menzione Gianni Volpi (Italia Doc) e della Menzione Paolo Rosa (Casa Rossa Art Doc).

Il Bellaria Film Festival è promosso dal Comune di Bellaria Igea Marina con il sostegno della Regione Emilia-Romagna; e organizzato da Bellaria Igea Marina Servizi con la direzione artistica di Simone Bruscia. Si segnala inoltre per questa edizione la fondamentale collaborazione con le associazioni D.E-R Documentaristi Emilia-Romagna, DOC/IT Associazione Documentaristi Italiani, e DIG | Documentari Inchieste Giornalismi.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

In continuità con l’edizione 2016, l’immagine della 35° edizione del festival è stata affidata alla fotografa bolognese Valentina D’Accardi, Premio SetUp 2016 come miglior artista under 35. Per il manifesto del festival è stata scelta una sua fotografia, completata da un artwork di Simone Tribuiani, del collettivo artistico Bronx Ponente. Proprio a Tribuiani e al collettivo di Cesenatico, dopo la felice collaborazione delle passate edizioni, verranno affidati gli allestimenti scenici del #BFF35. Tutte le location del festival saranno caratterizzate da un unico tema visivo, un vero e proprio percorso comune che servirà a interconnetterle e a renderle facilmente identificabili, richiamando anche la grafica del manifesto. A fare da filo conduttore saranno le immagini tipiche della produzione di Tribuiani: piccole figure pop, spaesati omini dai colori vivaci disseminati in assolati contesti contemporanei. Piazzati sul manifesto o distribuiti lungo la città, dalla Casa Rossa all’Isola dei Platani, le sagomine di Tribuiani ricorderanno in modo iconico e discreto la presenza del festival e l’estate alle porte.

Il comunicato stampa e il programma completo del Bellaria Film Festival

CINEMAINCENTRO – CINEMADIVINO HOME BILLB MID1 19 06 – 21 07 19
DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18