Ravenna e New Orleans sempre più vicine grazie a Spiagge Soul

Prima dello scoppio della pandemia il concerto dei Nola Connection al Jazz Museum

Spiagge Soul New OrleandI Nola Connection, band nata nell’ambito di Spiagge Soul, che unisce musicisti italiani e statunitensi, si è esibita al New Orleans Jazz Museum prima dello scoppio dell’epidemia.

La collaborazione tra Spiagge Soul, il festival estivo ravennate organizzato dall’associazione Blues Eye, e il New Orleans Jazz Museum, l’ente che tutela e promuove la conoscenza del jazz nel luogo dov’è nato, si è arricchita di un importante tassello che contribuirà a irrobustire il ponte musicale e culturale che già da tre anni lega le sponde della Riviera romagnola e la città simbolo della Louisiana, anche grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna.

COOP SAN VITALE MRT TEODORIGO 26 10 – 08 11 20

Già dal 2017 infatti Spiagge Soul ha avviato una collaborazione con l’importante istituto musicale americano che ha già fruttato una serie di iniziative comuni, come le mostre fotografiche organizzate durante il festival nei locali ravennati ma soprattutto l’arrivo in Italia di band statunitensi, che hanno arricchito il programma di Spiagge Soul. È del resto fin dalla partenza nel 2009 del festival, sviluppato in compartecipazione col Comune di Ravenna, che gli organizzatori si sono ispirati alla tradizione musicale di New Orleans, cercando di ricreare sulla Riviera romagnola l’atmosfera unica della città americana, con un festival diffuso che portasse la musica in ogni angolo del litorale.

Dal 22 febbraio al 13 marzo, subito prima dello scoppio dell’epidemia globale del Covid-19, alcuni musicisti italiani si sono recati a New Orleans per riproporre negli Stati Uniti un progetto nato all’interno di Spiagge Soul, lo show dei Nola Connection, un super-gruppo formato da artisti italiani e americani che ha aperto l’edizione 2019 del festival nel segno del jazz primordiale. Uno spettacolo che ha così ripreso forma il 10 marzo sul palco del New Orleans Jazz Museum davanti a un pubblico numeroso, con Francesco Plazzi, direttore artistico di Spiagge Soul e chitarrista, il sassofonista Marco “Benny” Pretolani e la cantante Gloria Turrini, assieme a tutti i componenti della Soul Brass Band, una delle formazioni più importanti della Louisiana e amica del festival, protagonista di una vera e propria “residenza artistica” l’anno scorso sulla Riviera, dove ha dato vita a più concerti per Spiagge Soul, con diverse formazioni e ispirazioni musicali. Il concerto, avvenuto mentre in Italia l’epidemia si espandeva e negli Stati Uniti iniziava a svilupparsi, è anche stato l’occasione di uno scambio di auguri reciproci, nel segno di una solidarietà globale di fronte alla pandemia. La collaborazione col New Orleans Jazz Museum esce così rafforzata e ravvivata, anche grazie ai numerosi contatti avviati coi locali di New Orleans, particolarmente preziosi per consentire in futuro ad altri musicisti italiani di esibirsi negli Stati Uniti.

Francesco Plazzi, presidente di Blues Eye e direttore artistico di Spiagge Soul si dice pronto a lavorare per consentire ad ancora più artisti italiani di esibirsi a New Orleans, «per respirare le vibrazioni di questa fantastica città, e per continuare a promuovere il marchio della musica italiana».

REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB MID1 26 10 – 11 11 20
RECLAM TIROCINIO BILLB CULT 02 03 – 31 10 20
RECLAM AGENTI BILLB CULT 02 03 – 31 10 20