Allagamenti e alberi pericolanti: chiuse le pinete Fiumi Uniti sorvegliati. Offerte di aiuto via email

Da Milano la colonna mobile dei vigili del fuoco. Lidi sott’acqua. Scuole chiuse

Il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, nella serata del 6 febbraio ha firmato un’ordinanza che dispone il divieto di accesso alle pinete di competenza del Comune di Ravenna: pineta di Classe e pineta San Vitale. «Il provvedimento – spiega lo stesso primo cittadino attraverso una nota inviata ai giornali – è stato assunto per motivi di sicurezza legati agli eccezionali eventi meteoclimatici che hanno provocato sradicamento di alberature e situazioni di instabilità delle piantumazioni, tali da costituire situazioni di potenziale pericolo per la pubblica incolumità». Le abbondanti piogge delle ultime 24-36 ore infatti, oltre a causare allagamenti sul litorale e nel forese sud, hanno causato il cedimento di molti alberi.

Matteucci passerà la notte al centro operativo della protezione civile del Comune di Ravenna installato alla sede della polizia municipale. Con il sindaco è presente anche il prefetto Francesco Russo. Le situazioni sotto osservazione sono quelle che riguardano, come detto, i lidi più tartassati dalle inondazioni e i fiumi Montone e Ronco interessati dall’ondata di piena. La situazione sta andando verso il miglioramento dopo che il mare ha cominciato di nuovo ad accogliere l’acqua portata da fiumi e torrenti.

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

Chi volesse rendersi disponibile per eventuali attività di volontariato può inviare una email a laboriosamente.ravenna@gmail.com indicando nome, cognome e numero di telefono e sarà chiamato in caso di bisogno. «Grazie alle persone che si stanno mettendo a disposizione per dare una mano in questa emergenza dovuta al maltempo», commenta Matteucci. Che ringrazia anche gli operatori delle strutture turistico-ricettive che stanno segnalando la disponibilità di posti letto per le famiglie evacuate. Sono infatti oltre un centinaio quelle sfollate in particolare dagli abitati di Fosso Ghiaia e Lido di Savio. In quest’ultimo sono stati i vigili del fuoco, intervenuti con i gommoni, a portare in salvo i residenti per i quali è stato allestati un centro di raccolta a Classe.

Per tutta la notte proseguirà il lavoro dei pompieri, con il supporto della colonna mobile giunta da Milano (in campo in totale circa 40-45 uomini e numerosi mezzi): dopo le evacuazioni delle persone si sta procedendo ora con i prosciugamenti di abitazioni e edifici in particolare nella zona di Lido Adriano. Come detto infatti i lidi ravennati sono stati i più danneggiati dal maltempo: le mareggiate hanno rotto le dune di sabbia a protezione della costa allagando molti stabilimenti balneari e spingendo l’acqua fino nelle vie dei paesi. A Porto Corsini e Marina di Ravenna è stato il Canale Candiano a tracimare in alcuni punti.

Si ricorda che i comuni di Ravenna, Lugo e Cervia hanno disposto la chiusura delle scuole per domani mattina. Per le ultime informazioni sulla situazione negli altri territori della provincia vedi tra gli articoli correlati.

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 – 30 11 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
REGIONE ER LAVORO LEADERB MID1 12 – 29 11 20