Quale sindaco per le elezioni 2016? E il Mama’s promuove le sue primarie

Sfida semiseria a caccia di possibili candidati per uscire dall’impasse della politica. Ultimi giorni per partecipare al confronto del 6 marzo

sinadaco RavennaC’è una domanda tormentone che circola in città da qualche mese, almeno fra chi ha un minimo di interesse per la politica e le sorti di Ravenna: ma tu sai chi sarà candidato a sindaco di Ravenna nel 2016?Se poi sei un giornalista o qualcuno vicino al mondo dei partiti tutti pendono dalle tue labbra… Ma ti vengono in mente solo nomi improbabili o inadeguati, invischiati in vari “se” e “ma” e “forse”. I partiti ravennati sono afasici e incarogniti e mai come dal dopoguerra sono così incerti e dubbiosi su cosa puntare per convincere gli elettori sempre più incarogniti e disorientati. Manca un anno e qualche mese alle elezioni amministrative. Mica tanto, e intanto ci si arrovella intorno a questo grande “Boh?”.

Ci vorrebbe un coup de théâtre. Un’iniziativa spregiudicata. Ecco allora che arrivano le «più che primarie» del Mama’s, circolo culturale cittadino fra i più longevi e attivi che propone concerti e incontri letterari e artistici. Il club – che non a caso è nato più di 20 anni fa negli spazi della Scintilla, la Casa del Popolo storicamente più eterodossa del Partitone locale – ha indetto dai primi dell’anno una sorta di concorso fra i cittadini ravennati che avranno l’ardire di partecipare alla sfida per diventare candidato alla poltrona di primo cittadino.     

Elezioni primarie fra il serio e il faceto, fra la voglia di partecipazione politica e quanto basta d’ironia, visto che che le primarie vere del Pd, dopo i pasticci in giro per l’Italia si sono definitivamente “spuntate”, se non proprio sputtanate con la recentissima vicenda delle regionali in Liguria. Partecipare è semplice, bisogna compilare un profilo personale (il modulo è sul sito web del mama’s) che non richiede una carriera politica ma neppure la esclude: non ci sono limiti di età, sesso, razza, religione. Fra le domande a cui rispondere per iscriversi, oltre a dati anagrafici bisogna definire titolo di studio, professione, fedina penale, eventuale esperienza politica-amministrativa, interessi privati (nel senso di preferenze culturali, sportive e hobbistiche) e passioni-perversioni. Infine due quesiti da potenziale autorità: «Qual è la prima cosa che farai da sindaco?»; «Perché dovremmo scegliere proprio te?».

Il regolamento prevede che le candidature (aperte formalmente fino a metà febbraio, ma accolte probabilmente anche entro la fine del mese) saranno «vagliate da una commissione» composta dalla triade di storici animatori del Mama’s: Italo Arfelli, Danilo Montanari e Riccardo Zoffoli. A quanto pare la selezione sarà tirannica: «Non chiedete il perché, non avrete risposta – si legge ironicamente nel bando – Ogni commento sulla commissione, positivo o negativo, comporta l’automatica esclusione del candidato». La commissione selezionerà, fra gli iscritti a queste singolari primarie, 10 candidati che saranno “dati in pasto” al pubblico del Mama’s nella serata di venerdì 6 marzo, in occasione di una tribuna politica senza esclusione di colpi sul palco del locale di via San Mama.

La scelta finale del migliore fra i contendenti sarà presa in conclusione del talk show, a furor di popolo, con l’elezione del candidato sindaco a marchio di garanzia Mama’s. Se attorno a questa figura poi si concretizzerà un sostegno popolare o un vero proprio comitato elettorale è presto per dirlo. Per ora gli organizzatori segnalano l’iscrizione alla sfida di ben oltre le dieci persone necessarie per giocare la singolare partita: nessuna legata a partiti, tutte provenienti dalla cosiddetta società civile: associazionismo, volontariato, professioni…
Sicuramente senza macchia e senza paura. Vedremo chi la spunterà.

ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21