Abuso d’ufficio: indagati gli ex vertici dell’Ausl per incarichi a tre medici

Nel registro degli indagati Carradori, Des Dorides e due direttori Avrebbero preferito dei neo specializzati a un medico interno

Posti di lavoro al dipartimento di cure primarie della sanità pubblica a Ravenna offerti tra il 2009 e il 2013 con un incarico libero professionale a tre medici appena specializzati nonostante un medico interno con maggiore esperienza avesse richiesto il trasferimento a quell’incarico già dal 2003: sarebbe questo, a grandi linee, lo scenario di presunte illegittimità ricostruito dalla procura della Repubblica che ha chiuso le indagini a carico di quattro persone, dirigenti o ex dell’Ausl. Per tutti l’accusa è abuso d’ufficio in concorso, come si legge su Il Resto del Carlino che riporta la notizia.

Gli indagati sono i due manager che si sono susseguiti nel ruolo di direttore generale dell’Area Vasta durante il periodo sotto indagine: Tiziano Carradori (oggi all’Ausl di Ferrara) e Andrea Des Dorides (di recente in pensione). Poi Riccardo Varliero, direttore dell’unità operativa di Cure Primarie di Ravenna, e Alberto Minardi, direttore del distretto ravennate all’epoca dei fatti. Un momento cruciale dell’inchiesta è stata l’acquisizione di documenti la mattina del 20 ottobre di un anno fa i carabinieri erano entrati negli uffici dell’Ausl a Ravenna.

La direzione generale dell’Ausl Romagna conferma la piena fiducia nell’operato della magistratura alla quale assicura la massima collaborazione. «Qualora, nel prosieguo dell’inchiesta dovessero emergere responsabilità, l’Azienda intraprenderà, come di consueto, tutti i necessari provvedimenti».

ORIGINAL PARQUET BILLB MID FISSO 13 – 19 09 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
ASER LEAD MID 11 – 19 09 21