La Rekico piega Vicenza al termine di un match duro e senza esclusione di colpi

Basket B / Importante affermazione casalinga per i faentini, che aumentano a quattro i punti di vantaggio sulla quinta posizione

Faenza-Vicenza 83-80
(25-27, 52-45, 69-65)
REKICO FAENZA: Fumagalli 2, Costanzelli 8, Silimbani 2, Samorì ne, Casagrande 10, Venucci 9, Zampa 2, Petrucci 21, Pambianco ne, Chiappelli 8, Sgobba 21. All.: Friso.
TRAMAROSSA VICENZA: Quartieri 13, Kedzo ne, Demartini 13, Montanari 11, Corral 16, Rigon, Campiello U., Conte, Contrino, Campiello A. 12, Crosato 15. All.: Venezia.
ARBITRI: Spinelli e Di Martino.
NOTE – Uscito per falli: Corral.

Daniele Costanzelli

8 punti per il pivot Daniele Costanzelli

Un tris di vittorie che vale l’allungo verso le prime quattro posizioni. La Rekico supera Vicenza in un match duro e senza esclusione di colpi, approfittando del passo falso di Milano, che le permette di guadagnare quattro punti sui lombardi, quinti in classifica. Il modo migliore per presentarsi alla Coppa Italia di venerdì 1 marzo, traguardo storico per i Raggisolaris e per la provincia di Ravenna, che mai aveva visto una sua rappresentante in ambito maschile partecipare a questa manifestazione. Contro la Tramarossa è da sottolineare la prova di tutto il collettivo, ma una menzione particolare è per Petrucci e Sgobba, migliori realizzatori con 21 punti.

FAMILA HOME MRT 19 – 25 09 19

Che il match fosse una battaglia lo si vede già nel primo periodo, quando la Rekico si ritrova ad inseguire 27-25 sotto i colpi di un incredibile 5/5 da tre punti dei veneti. Il carattere e la lucidità permettono però di restare in scia e quando sale in cattedra la solita difesa, arriva la fuga. Petrucci e Chiappelli armano il braccio dalla lunga distanza, Sgobba porta punti e solidità nell’area pitturata e tutta l’orchestra che suona a meraviglia, diretta alla grande da Venucci. Proprio il capitano regala un assist perfetto a Costanzelli che schiaccia il massimo vantaggio di 52-40, facendo esplodere di gioia il PalaCattani. Il segreto della fuga? I rimbalzi catturati e i canestri segnati al momento giusto.

Quello che purtroppo non accade nel secondo tempo, quando Vicenza reagisce e dopo essersi portata sotto di un solo punto in due occasioni, passa a condurre 71-69 al 32’ con una tripla di Corral. La Rekico non accusa il colpo e continua a giocare con grande determinazione: il protagonista diventa Casagrande, autore della tripla dell’81-77 al 39’’. Sull’82-79 per la Rekico si entra nell’ultimo minuto di fuoco. De Martini fallisce due liberi, Corral ne segna soltanto uno e a 14’’ dalla sirena, Faenza conduce 80-82. Il pivot argentino commette fallo sistematico su Sgobba che dalla lunetta segna il primo e sbaglia il secondo (83-80), poi la difesa asfissiante confonde le idee a Vicenza, che non riesce a trovare il tiro da tre del possibile supplementare, preferendo una penetrazione a canestro che non porta risultati. La Rekico può così esultare per una grande vittoria.

SUSHI KAITEN BILLB TOP 26 07 – 06 10 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19