Mastro Lindo versus Blub

Blub Dante Ravenna

Il Dante di Blub

A volte capita di buttar via il bambino con l’acqua sporca. È successo nei giorni scorsi nella “zona del silenzio” a pochi passi dalla tomba di Dante, che è stata tirata a lucido per la cerimonia di inaugurazione del 700nario dantesco alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella. A forza di pulire e lucidare hanno disintegrato anche un’opera dello street artist Blub dedicata al volto del Sommo Poeta, ironicamente ritratto con una maschera da sub, come diversi altri disegni sparsi da qualche anno nel centro cittadino. Il Dante di Blub decorava l’anonimo sportello di un vano contatori in via Da Polenta nel muro della Biblioteca Oriani.

Blub Cancellato Oriani

Lo sportello ripulito dal murales

Peraltro la realizzazione del murales era stata autorizzata dalla direzione della biblioteca – assicura Marco Miccoli che aveva promosso con Blub l’azione artistica che era una copia più grande di quella tuttora presente in via Diaz. Insomma una collocazione non casuale, visto anche che l’Oriani ospita da tempo la rassegna “Dante Plus”, curata dallo stesso Miccoli, e dedicata alla rivisitazione in chiave contemporanea e pop dell’iconografia dantesca.
A quanto pare un certo zelo da Mastro Lindo se ne frega dell’arte di strada. Ma questo è anche il destino delle opere murali, che oltre alle intemperie a volte devono subire l’iniziativa iconoclasta benepensante o semplicemente ignorante. E non è la prima volta che accade a Ravenna…

leggi gli altri Bomboloni
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 01 21
CONSAR BILLB 07 – 24 01 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 – 31 01 21
COFARI HOME LEAD 14 12 20 – 24 01 21