Marina, area ex Xenos: il vento abbatte la recinzione installata da tre mesi

Ha ceduto il lato di viale Spalato: sul terreno doveva essere costruito un grattacielo di 50 metri con un albergo di lusso

Una parte della recinzione dell’area ex Xenos a Marina di Ravenna è stata abbattuta dal vento che oggi, 20 novembre, sta picchiando sulla località costiera. A cedere è stato il lato di viale Spalato.

La protezione attorno al lotto di terreno nel centro del paese, dove sorgeva una discoteca e dove sarebbe dovuto sorgere un grattacielo di 50 metri con un albergo, era stata installata tre mesi fa per sostituire quella ormai fatiscente che da tempo circondava l’area. A battersi per eliminare il degrado in quel punto così centrale erano stati, sul fronte politico, le liste civiche la Pigna e Per Ravenna di Alvaro Ancisi. Ma soprattutto era stata una petizione, lanciata dall’architetto Angelo Barboni residente nella località, ad attirare l’attenzione sul caso finendo sulla stampa locale.

FAMILA MRT 03 – 09 12 20

Come noto, si tratta di circa duemila mq di superficie che da anni sono lasciati in stato di abbandono proprio all’incrocio di viale delle Nazioni. L’area è di proprietà di una società privata riconducibile al gruppo Nettuno (qui avevamo ricostruito il reticolo di interessi coinvolti): doveva ospitare, come detto, una torre di 14 piani: la crisi del mattone e in parte anche la riduzione di appeal turistico per la località hanno fatto cambiare i piani agli imprenditori.

Il lotto ha una lunga storia alle spalle: al tempo della seconda guerra mondiale era un avamposto nazista e poi stava per diventare un bordello. Gli ultimi 80 anni di quell’area sono in questo articolo.

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 11 – 31 12 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 – 31 12 20
ASER LEAD BOTTOM 30 11 – 20 12 20
REGIONE ER LEGALITA LEAD 30 11 – 31 12 20