L’8 maggio riaprono i Tre Ponti dopo due anni e mezzo di chiusura per lavori

All’incrocio tra via Sant’Alberto e la statale Romea sono state demolite e rifatte le strutture sugli scoli consorziali Canala, Cupa e Fagiolo per una spesa di 900mila euro

Il primo tratto di via Sant’Alberto dalla rotonda con la statale Romea verso Ravenna, noto ai più come incrocio dei Tre Ponti, tornerà percorribile al traffico dall’8 maggio quando saranno passati più di due anni e mezzo dalla chiusura per i lavori di rifacimento della struttura. La data si apprende da Palazzo Merlato, tramite l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Fagnani, dopo la presentazione di una interrogazione al sindaco da parte di un consigliere comunale. L’intervento ha richiesto un investimento da parte del Comune di 900mila euro, realizzato dalla Adriatica Costruzioni Cervese.

Il cantiere ha vissuto vicende piuttosto travagliate. A maggio del 2015 l’assessorato comunale ai Lavori pubblici comunicò la riapertura per agosto 2016 anche se il cronoprogramma del progetto approvato dalla giunta comunale nel giugno 2015 poneva come data minima per la riapertura del ponte (cioè senza intralci), marzo 2017. Durante la campagna elettorale della primavera 2016 l’amministrazione uscente assicurò che i lavori sarebbero partiti entro giugno ma non fu così: solamente a metà novembre del 2016 partirono i lavori di demolizione e rifacimento dei ponti sugli scoli consorziali Canala, Cupa e Fagiolo (da qui il motivo dei Tre Ponti).