Tutta la magia del Balletto di Cuba

La storica compagnia fondata nel 1948 da Alicia Alonso propone un excursus attraverso i grandi classici del balletto occidentale, da Giselle a Coppélia dallo Schiaccianoci al Lago dei Cigni, ma non mancano coreografie dal ritmo caraibico

SONY DSC

Ballet National de Cuba

Nell’eclettico cartellone della danza del Ravenna Festival, una pagina importante è segnata dall’arrivo del Ballet Nacional de Cuba, storica compagnia di danza classica fondata nel 1948 da Alicia Alonso che tuttora la dirige.

Alicia Alonso

Alicia Alonso

L’artista, ora ultranovantenne, ha saputo imprimere il suo segno nel repertorio e crescere nell’omonima scuola una stirpe eccellente di virtuosi, in cui lo stile classico è “virato“ con sapienza alle qualità dei ballerini cubani. Celebre è la sua frase: «Ho vissuto non solo per ballare, ma anche per far ballare gli altri»

CONAD VINI SABBIONI ORIOLO MRT2 07 – 13 11 19

L’appuntamento è per giovedì 29 giugno, al Palazzo Mauro De Andrè, dove andrà in scena “La magia della danza”. La serata è un meraviglioso “ripasso” del balletto occidentale (Giselle, La Bella Addormentata, Lo Schiaccianoci, Coppélia, Don Chisciotte, Il Lago dei Cigni), e un tuffo in quello cubano, con assaggi della Sinfonia di Gottschalk, tra ritmi caraibici e sapori criolli. Una vera e propria antologia che raccoglie, dunque, i momenti salienti dell’arte coreografica del XIX secolo, rivisti secondo i canoni della scuola cubana di balletto.

Lo spettacolo inizia con Giselle, il più famoso dei balletti romantici, presentato per la prima volta il 28 giugno 1841 all’Opéra di Parigi con Carlotta Grisi e Lucien Petipa nei ruoli principali. La scena presentata è tratta dal secondo atto e corrisponde al momento in cui il guardiacaccia Hilarion visita la tomba di Giselle, e le Villi – vendicatrici anime di fanciulle morte prima di sposarsi – lasciano le tombe per danzare, circondano Hilarion e lo fanno ballare fino alla morte. Il duca Albrecht, anch’esso caduto preda delle Villi, danza con Giselle che, con il suo amore, lo salva. Questa versione coreografica firmata da Alonso è entrata a far parte del repertorio dell’Opera di Parigi e di Vienna, del Balletto del Teatro San Carlo di Napoli e del Teatro Colón di Buenos Aires.

A seguire un divertissement, tratto dal terzo atto de La bella addormentata, che corrisponde alle nozze della principessa Aurora e del principe Desiré. Un altro celebre balletto, presentato per la prima volta nel 1890 al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo. La versione di Alicia Alonso è stata presentata all’Opera di Parigi e al Balletto della Scala di Milano.

Promette grandi emozioni il pezzo tratto dallo Schiaccianoci, balletto basato sul racconto di E.T.A. Hoffman, Lo schiaccianoci e il re dei topi, che ha debuttato il 18 dicembre 1892 al Mariinskij. I ballerini cubani danzano infatti la famosa scena del “valzer dei fiori”, per finire con il grand pas de deux, uno dei più famosi pas de deux classici del balletto.

Ben due i pezzi tratti da Coppélia o La ragazza dagli occhi di smalto, presentato per la prima volta all’Opera di Parigi il 25 maggio 1870. Swanilda e Franz, i protagonisti del balletto, celebrano le loro nozze nel famoso pas de deux del terzo atto, al quale si aggiunge la mazurka del primo atto.

Ci sarà spazio anche  per il Don Chisciotte ispirato alla famosa opera omonima di Miguel de Cervantes e in scena al Bolshoi di Mosca il 26 dicembre 1869. La versione cubana ha esordito il 6 luglio 1988 al Gran Teatro de La Habana. A Ravenna, la compagnia porterà sul palcoscenico il pezzo in cui Espada e la sua amante Mercedes danzano nella piazza di un paesino della Castiglia. Viene inoltre presentato il famoso grand pas de deux del terzo atto, in cui Kitri e Basilio, i protagonisti, danzano nel giorno delle loro nozze.

Del celebre Lago dei Cigni, opera che ha visto la luce il 20 febbraio 1877 al Bolshoi, sarà presentato il famoso pas de deux di Odette e Siegfried che riassume la tecnica, lo stile e l’espressività del balletto classico.

Il gran finale è affidato ad assaggi della Sinfonia di Gottschalk, una partitura dai ritmi caraibici creata dal compositore e pianista nordamericano Louis Moreau Gottschalk, presentata per la prima volta al Gran Teatro de Tacón.

LA MUCCA VIOLA – BILLB MID1 11 – 25 11 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19