Avvistati trigoni a riva, anche nel Ravennate: «Non infastiditeli, possono pungere»

Sono pesci simili a razze, parenti degli squali. Cercano le acque basse per partorire. Il vademecum del centro Cestha

65027378 10218874281278811 633566547276726272 N

Un trigone avvistato a Marina di Ravenna

È iniziata la stagione delle nascite per i trigoni, pesci cartilaginei molto comuni nell’Adriatico (simili a razze nell’aspetto ma parenti lontani anche degli squali), che tra giugno e luglio si avvicinano alla costa, in acque basse, per partorire i piccoli. Negli ultimi giorni sono stati avvistati anche a Ravenna.

I trigoni sono dotati di un aculeo sulla coda che può provocare fastidiose punture nelle persone. Ma l’animale può utilizzare l’aculeo per difendersi solo se avverte pericolo o viene toccato. Tutta la pelle del trigone inoltre è ruvida, perché presenta dentelli dermici, quindi questo organismo non deve essere afferrato senza adeguate protezioni. Se viene avvistato vicino a riva meglio allontanarsi e lasciare che l’animale compia le sue attività, accoppiamento o riproduzione: appena terminate ritornerà a largo.

Ecco un piccolo vademecum su come comportarsi, stilato da Cestha, centro sperimentale per la tutela degli habitat di Marina di Ravenna:

– non infastidire l’esemplare, accerchiandolo, inseguendolo provando ad accarezzarlo o altro, il suo scopo non è ferire nessuno;
– non spiaggiare forzatamente l’esemplare, oltre a essere un gesto stupido è anche pericoloso per lui e per noi umani;
– solo nel caso in cui un’onda lunga o un’errata valutazione di manovra porti l’animale a essere fuori dall’acqua, lo si può aiutare a tornare immerso anche con l’aiuto di un piccolo bastone se lo riteniamo opportuno.

Per qualsiasi dubbio Cestha è dotato di un numero di emergenza attivo 24 ore su 24 da chiamare in questi casi: 351 8544072.

WIND BILLB MID1 01 – 24 08 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 08 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20