Con Recine e Ricci c’è un po’ di Ravenna nel primo scudetto della storia di Perugia

Volley / Il direttore tecnico e il centrale hanno portato il loro contributo nella storica stagione della società umbra, capace di centrare il “triplete” aggiudicandosi Supercoppa, Coppa Italia e titolo tricolore

Bernardi E Recine

A destra il direttore tecnico Stefano Recine, mentre festeggia con il coach Bernardi (Foto Legavolley)

C’è un pezzo di Ravenna nel primo scudetto della storia della pallavolo conquistato da Perugia. Sia sulla scrivania, sia in campo, tra i protagonisti dell’impresa della Sir Safety ci sono il direttore tecnico Stefano Recine, l’architetto che ha costruito l’organico a disposizione del coach Bernardi, e il centrale Fabio Ricci, cotignolese doc e “prodotto” dei settori giovanili di Conselice e Robur Costa. In più fa parte della rosa lo schiacciatore Dore Della Lunga, nelle fila della Cmc nella stagione 2015-16, senza dimenticare che gli umbri hanno incrociato all’inizio dei playoff la Bunge, piegandola in gara3 dopo aver perso la sfida disputata al Pala De André, tra il tripudio dei tifosi bizantini. Una soddisfazione doppia per Recine, al suo primo anno nella stanza dei bottoni del club del presidente Sirci dopo aver vinto tutto da dirigente, negli anni passati, proprio in casa Cucine Lube.

Perugia diventa campione d’Italia sconfiggendo 3-0 nel catino del PalaEvangelisti i marchigiani di Civitanova in gara 5, completando il triplete dopo le vittorie in Supercoppa e Coppa Italia. Trascinata dai quattromila e più, tutti di bianco vestiti, la formazione di Bernardi disputa un match perfetto contro un grande avversario come la Lube, che la ha provate tutte per tenersi sul petto lo scudetto con Juantorena, Sokolov e Kovar ultimi ad abdicare. Ma Perugia, in una gara sempre molto combattuta, non poteva farsi scappare l’occasione della vita. Monumentale Atanaijevic, mvp con 17 punti e due ace, di ghiaccio lo “Zar” Ivan Zaytsev, autore degli ultimi tre punti dell’infuocato terzo set dopo che Civitanova aveva a sua volta avuto due palle set per rientrare in partita.

Premiazione Perugia

La premiazione dei giocatori della Sir Safety Perugia, vincitori dello scudetto (Foto Legavolley)

Questo il tabellino della partita
Perugia-Civitanova 3-0
(25-22, 25-23, 27-25)
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Zaytsev 10, Podrascanin 5, Atanasijevic 17, Russell 6, Anzani 7, Berger 6, Colaci (L), Cesarini (L), Shaw. Ne: Andric, Della Lunga, Ricci. All.: Bernardi.
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Christenson 4, Juantorena 10, Stankovic 5, Sokolov 18, Kovar 14, Cester 3, Marchisio (L), Storani (L), Zhukouski, Sander 1, Grebennikov (L), Candellaro 1, Casadei. Ne: Milan. All.: Medei.
ARBITRI: Boris e Rapisarda.
NOTE – Durata set: 30′, 34′, 38′ (tot: 102′).

CONSAR BILLB 16 – 22 05 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
ASER LEAD BOTTOM 01 04 – 30 06 22