Al Pala De André nulla da fare per la Consar contro una Lube troppo forte

Volley Superlega / Civitanova offre una prestazione di altissimo livello e alla squadra di Graziosi restano poche opportunità per provare a cambiare il corso del match

Ravenna-Civitanova 0-3
(16-25, 18-25, 20-25)
CONSAR RAVENNA: Saitta, Rychlicki 13, Verhees 3, Russo 3, Poglajen 6, Raffaelli 3, Goi (L), Di Tommaso, Argenta 4, Elia 1, Smidl, Marchini, Lavia 2. Ne: Frascio (L). All.: Graziosi.
LUBE CIVITANOVA: Bruno 2, Sokolov 13, Simon 9, Cester 3, Leal 14, Juantorena 14, Balaso (L), D’Hulst, Massari, Diamantini, Cantagalli. Ne: Marchisio (L), Stankovic, Sander. All.: De Giorgi.
ARBITRI: Puecher (Padova) e Florian (Treviso).
NOTE – Ravenna: 7 bv, 11 bs, 2 muri, 9 errori; Civitanova: 6 bv, 13 bs, 3 muri, 6 errori. Durata set: 26’, 28’, 29’ (tot. 83′). Spettatori 2900 (incasso 20.215 euro). Mvp: Bruno.

RAVENNA 30/12/2018. VOLLEY PALLAVOLO. CONSAR RAVENNA LUBE CIVITANOVA.

Giacomo Raffaelli non riesce a superare il muro di Civitanova

La Consar avrebbe voluto coronare con un’impresa degna di essere ricordata un 2018 di grande valore e spessore ma ha sbattuto contro la forza e la potenza della Lube, che ha fatto la voce grossa e dispiegato tutto il suo potenziale, davvero elevato. Guidata in cabina di regia da Bruno, uscito dal Pala De Andrè col premio del Mvp, ed esaltata da un attacco che non ha mai momenti di pausa, che chiude con le sue tre punte di diamante in doppia cifra (14 punti Leal e Juantorena, 13 Sokolov) e con un 63% di positività e appena quattro errori, la formazione marchigiana frena le velleità e i propositi dei ravennati che tentano in tutte le maniere di arginare lo strapotere ospite, senza troppa fortuna, nonostante un buon servizio (sette ace).

FAMILA – HOME MRT2 22 – 28 08 19

Sestetti titolari In campo vanno i sestetti confermati dai due coach. Graziosi si affida alla diagonale Saitta-Rychlicki, al duo Verhees-Russo al centro, a Raffaelli-Poglajen di banda e Goi libero. De Giorgi vara l’assetto tipo con Bruno in regia e Sokolov opposto, Simon e Cester, uno dei due ex di turno al centro, e Juantorena-Leal alla banda, e Balaso libero.

Primo set La Lube mostra di fare subito sul serio: con Leal subito incisivo, prende un vantaggio di tre punti (2-5) e poi lo incrementa arrivando al +6 (7-13) quando Graziosi chiama il time-out e poi prova a cambiare la diagonale mandando in campo Argenta e Di Tommaso, e subito dopo anche Lavia per Raffaelli. Ma la Lube ha un’attenzione feroce e grande concretezza: Sokolov timbra l’ace del +7 (10-17), Juantorena l’attacco del +8 (11-19) e l’ace del +9 (14-23). Rychlicki, rientrato in campo, e Verhees con un ace (il centesimo servizio vincente in regular season per lui) provano a rimandare il verdetto. E’ Leal con due attacchi vincenti a spegnere ogni sogno di rimonta Consar (16-25).

Secondo set Graziosi schiera Rychlicki di banda e Argenta opposto, ma la Lube schiaccia subito il piede sull’acceleratore, piazzando un tremendo break di 7 punti (a 1), con due ace di Simon e uno di Leal, che tramortisce una Consar impotente ma non rassegnata. Dopo il time-out di Graziosi, c’è un tentativo di riscossa dei padroni di casa, siglata da Rychlicki che piazza un attacco vincente e due ace, con cui la Consar si riavvicina a -4 (6-10). Un altro ace di Poglajen, confermato dal videocheck, manda Ravenna a -3 (10-13) e De Giorgi al time-out. La Lube fa un nuovo scatto, soprattutto con i punti di Juantorena, che la Consar non riesce più ad arginare, nonostante un miglioramento in battuta (tre ace) e ricezione (44%).

Terzo set Equilibrio nelle fasi iniziali, poi la Lube tenta due volte la fuga a +3, in entrambi i casi rintuzzata dalla Consar che si affida al servizio con Rychlicki e Poglajen, ma poi scappa a +6, margine che Ravenna col turno al servizio di Rychlicki riduce di tre (da 11-17 a 14-17) e poi di due con un ace di Verhees (16-18). Ma il quarto scatto piega le gambe della Consar, nonostante il time-out di Graziosi sul 20-23 ospite. Juantorena (ace) e un errore di Saitta nel palleggio siglano il 3-0 finale.

Dichiarazioni dopo-gara
Gianluca Graziosi (tecnico Consar Ravenna): «La Lube è una squadra che sa giocare a pallavolo, è infarcita di campioni ed era oggettivamente difficile fare meglio, però potevamo magari in alcuni momenti crederci un pò di più, giocare un pò di più con le nostre armi, spingere col servizio, con la difesa visto che siamo una squadra che difende tantissimo. In alcuni momenti ho avuto l’impressione che fossimo rassegnati alla loro forza. Per carità non è una palla in difesa in più che poteva cambiare la partita, ci abbiamo provato al 90% e non al 100%, e comunque non sono queste le partite su cui dobbiamo fare conto per arrivare alla salvezza».

RAVEGAN HOME BILLB 12-31 08 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19