A Ravenna il film sull’eccidio di Codevigo E l’Anpi lancia la controserata antifascista

Al Mariani anche Stella con il suo libro sui “killer della Liberazione”
Per protesta organizzato in contemporanea un evento al Corso

Non sta passando di certo inosservata la serata ravennate dedicata a Il segreto di Italia, discusso film sull’eccidio partigiano di Codevigo che verrà proiettato giovedì 19 febbraio (alle 20.30 e alle 22.15) al cinema Mariani di via Ponte Marino, in centro a Ravenna. La serata verrà oltretutto introdotta dalla presentazione del libro I grandi killer della Liberazione dell’altrettanto controverso scrittore ravennate Gianfranco Stella, due anni fa condannato per diffamazione nei confronti di un capo partigiano.

Un’iniziativa che ha provocato una reazione da parte dell’Anpi e dell’associazione Ravenna Cinema che organizzano per la stessa sera una serata di “Cinema antifascista” con la proiezione del film di Giorgio Diritti L’uomo che verrà, sempre il 19 febbraio appunto, ma a qualche centinaio di metri di distanza, al cinema corso di via di Roma, alle 20.30 a ingresso gratuito.

CONAD NATURAL SALUMI MRT2 28 09 – 31 01 21

Nella nota congiunta Anpi e Ravenna Cinema definiscono il film Il segreto di Italia, del regista Antonello Bellucco, «un attacco diretto alla Resistenza e ai nostri partigiani della 28ª brigata Garibaldi Mario Gordini».

«Dal punto di vista artistico – continua la nota – il film è brutto (ma sulla soggettività dei gusti non si discute) e dal punto di vista storico è estremamente superficiale, confuso, contradditorio e di parte con i fascisti buoni e i tedeschi gentili: ridicolo!».

L’Anpi in particolare sottolinea di non voler dare vita a nessuna forma di contestazione, né di voler richiedere una censura preventiva (sulla base della Costituzione), invitando invece i cittadini ravennati alla contro-serata del Corso con il film di Diritti che viene definito «un fedele documento della strage di Marzabotto». Al termine è in programma anche un confronto pubblico sul tema dello stragismo fascista in provincia di Ravenna tra il ’43 e il ’45, «e su chi sono i fascisti del nuovo millennio».

CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 01 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 – 31 01 21
COFARI HOME LEAD 14 12 20 – 31 01 21