Sette cinghiali catturati dai carabinieri forestali alla Bassona

Le prime segnalazioni degli animali risalgono a gennaio poi si erano perse le tracce. Il comportamento mansueto fa pensare che non siano selvatici ma fuggiti o abbandonati da qualche allevamento

I carabinieri forestali hanno catturato stamani, 20 aprile, sette esemplari di ibridi di cinghiale trovati nell’area della Bassona, nella riserva naturale Ortazzino nei pressi della foce del fiume Bevano. Gli uomini dell’Arma escludono che si tratti di un ampliamento dell’area dove vivono gli animali, non avendo individuato tracce tipiche dello stanziamento consolidato: l’atteggiamento docile e mansueto lascia ipotizzare che non si tratti di animali selvatici ma possano essere fuggiti o abbandonati da qualche allevamento anche se non risultano marcati e non sono stati denunciati smarrimenti nei dintorni. I capi sono stati consegnati all’associazione “Amici degli animali”, convenzionata con il Comune di Ravenna per il recupero della fauna, e verranno collocati in una struttura alle Bassette. Sono in buone condizioni e sono in attesa di essere sottoposti ai controlli veterinari del caso.

Lo scorso gennaio erano stati segnalati i primi avvistamenti nella zona e gli uomini dell’ufficio per la biodiversità di Punta Marina avevano predisposto un apposito recinto per la cattura dislocando anche foraggio per attirare le bestie. Poi però si erano perse le tracce degli animali fino al weekend di Pasqua quando sono giunte nuove segnalazioni da privati cittadini che li avevano visti muoversi liberamente a ridosso della spiaggia ma anche dalle pattuglie dei Forestali. Stamani la cattura avvenuta con relativa facilità conducendo gli animali nel recinto. Nella riserva naturale avrebbero potuto arrecare danni all’ecosistema tutelato, alla vegetazione e – in questo periodo – alla nidificazione in atto.