Morta dopo mesi di agonia la 78enne scippata a settembre. Disposta l’autopsia

Per il giovane rapinatore ora si potrebbe configurare il reato di omicidio preterintenzionale. L’anziana era caduta battendo la testa dopo il fatto

Per togliere ogni dubbio sulla correlazione tra lo scippo che subì il 26 settembre e la morte sopraggiunta nella giornata di domenica 21 gennaio sarà disposta un’autopsia. Poi per il 25enne tunisino che era stato a suo tempo arrestato si potrebbe aggiungere un reato ben più pesante a quello di rapina aggravata e lesioni: quello di omicidio preterintenzionale.

L’anziana – Alma Matulli, originaria di Brisighella ma residente a Lugo – era stata aggredita mentre era a passeggio vicino a casa, in via Dante,  insieme alla badante ucraina. Fu strattonata alle spalle ed è caduta battendo la testa sull’asfalto: da allora non è mai uscita dall’Umberto I.

A dare la notizia della morte della donna, dopo mesi di agonia in ospedale, è il Resto del Carlino di Ravenna. Il rapinatore era stato arrestato poco dopo dalla Mobile e si trova in carcere per il pericolo di reiterazione del reato. Ad incastrarlo è stata proprio la testimonianza della badante ucraina.

WIND BILLB MID1 01 – 24 08 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 08 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20