Carabinieri in borghese tra la movida, controlli al bar affollato

Due militari in bicicletta e altri due con la pattuglia: nella tarda serata di sabato identificati alcuni clienti in un locale in viale delle Nazioni. Il gestore: «Non ci sono state sanzioni. Ma non è facile lavorare, la gente non ascolta quando chiediamo di stare distanti»

IMG 6584Entrambi in bicicletta con la mascherina, lui con i tatuaggi che spuntavano da sotto la maglietta e lei con una borsa a tracolla: sembravano una coppia qualunque tra i tanti giovani che tornavano ad assaggiare la movida del sabato sera a Marina di Ravenna e invece erano una coppia di carabinieri in borghese che ha avviato un controllo in un bar. Circa una decina di clienti sono stati identificati al Rocksea di viale delle Nazioni, nella tarda serata del 23 maggio, e gli accertamenti hanno riguardato anche il locale. Dal titolare apprendiamo che non ha ricevuto sanzioni durante il controllo ma non è escluso che possano arrivare in futuro alla luce degli elementi raccolti sul posto.

La visita dei militari è cominciata verso le 23. In quel momento all’esterno del locale erano molte le persone presenti e poche indossavano la mascherina, come comprensibile e come concesso dalle norme per chi consuma cibi o bevande. Diversi avevano l’accortezza di stare seduti ai tavoli tenendosi distanziati, non altrettanto facevano le persone a ridosso del bancone sotto il porticato. «I tavoli sono 90×90 con due sedie quindi tutto ok – spiega il titolare –. Poi all’improvviso c’è stato un arrivo di tante persone in poco tempo, forse da un altro bar, e si è creata una situazione che ho cercato di gestire. Nelle telecamere si vede come aumentano le persone in poco tempo. Ma non è facile dire alla gente di stare a distanza. Questi non ti ascoltano e io non vorrei fare il carabiniere ma il barista».

FAMILA MRT 24 11 – 02 12 20

IMG 6585La Jeep dell’Arma con le luci blu accese ha accostato ed è partito il controllo. Due uomini in divisa a dare supporto ai colleghi in abiti civili: il cofano della gazzella è diventata la scrivania di lavoro tra moduli e tablet. Diverse le reazioni tra chi è stato invitato a esibire documenti. C’è la ragazza che ha collaborato e ha cercato di convincere il fidanzato un po’ brillo a fare altrettanto per evitare grane, ridurre i tempi e non perdere l’ultimo traghetto per rientrare all’albergo a Marina Romea. Prima di andarsene la giovane ha raccolto da terra una mascherina caduta davanti al muso della Jeep: «Se non è vostra allora è la mia che non trovo più». Poi però ha convenuto con uno dei carabinieri che non fosse il caso di rimetterla in faccia. Ma c’è anche chi non ha preso con altrettanta calma l’intervento e ha ingaggiato un lungo dibattito con i militari – probabilmente a meno di un metro di distanza seppure con una mascherina arancione in volto – lamentando una presunta disparità di trattamento tra quel locale e altri della località.

Un’ora di intervento concluso quando al cellulare della pattuglia è arrivata una richiesta più urgente: un controllo a Lido Adriano per una probabile evasione di una persona ai domiciliari. La Jeep parte, la coppia in bici pure e al bar si è potuto discutere a lungo animatamente di quanto appena successo, facendosi poche domande sulle distanze.

A distanza di due giorni, il titolare del bar esprime tutta la sua difficoltà ad affrontare la riapertura con tante norme non tutte di facile applicazione: «Le leggi non obbligano a fare servizio al tavolo e noi dopo essere stati chiusi per mesi non abbiamo assunto altro personale. Quando le persone si accostavano al bancone ho cercato di allontanarli ma c’era qualcuno che aveva bevuto qualche bicchiere, mi hanno risposto che non hanno paura del Covid e a quel punto non si può ragionare. È difficile lavorare in questi giorni». Il barista ora ha provato a cambiare la disposizione logistica: «Ho messo una catena al limite della mia proprietà, al bordo del portico: per ordinare si entra uno alla volta e se la gente si assembra fuori quello è suolo pubblico e non posso occuparmene io. Spero sia la soluzione giusta ma non ho la certezza. Anche per questo parlerò con i carabinieri, vogliamo lavorare evitando problemi. Se vogliono mettere una pattuglia fissa davanti al mio bar a me fa solo piacere».

ARKA ERGO STUDIO BILLB 12 11 – 31 12 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 – 31 12 20
ASER LEAD BOTTOM 30 11 – 20 12 20
REGIONE ER LEGALITA LEAD 30 11 – 31 12 20