Altri 20 pensionamenti e nessun rinforzo, è emergenza organico nella polizia

La denuncia del sindacato autonomo: «A Lugo impossibile garantire un continuo controllo del territorio»

I sindacati lanciano l’allarme per l’organico sottodimensionato della questura di Ravenna e dei commissariati della provincia.

Il Sap, in una nota inviata alla stampa, rivela infatti come il piano di potenziamento degli organici che prevede l’assunzione di 1.160 allievi agenti non coinvolga la provincia di Ravenna, nonostante una «costante perdita di risorse» registrata negli ultimi anni.

Ecco quindi che la segreteria provinciale del sindacato autonomo di polizia fa sentire la propria voce «per stigmatizzare la mancata previsione di rinforzi a fronte di una drammatica carenza di personale di cui soffre tutta la provincia di Ravenna, in maniera particolare la Questura».

«Il problema riguarda tutti i settori – continua la nota -, compresi i due commissariati distaccati, Faenza, dove l’esiguo numero di ufficiali di polizia giudiziaria attualmente in servizio è già ora motivo di gravissima preoccupazione sia per i carichi di lavoro che gravano sul poco personale rimasto che per le conseguenti ricadute sull’organizzazione dei servizi, e Lugo, dove la situazione contingente ha causato l’impossibilità di garantire un continuo controllo del territorio h 24».

A questo va aggiunto che «a seguito dei pensionamenti, alla fine del 2023 la questura di Ravenna avrà perso complessivamente circa 20 unità alle quali, nel 2024, se ne aggiungeranno altrettante. Già ora questa situazione si ripercuote negativamente sul personale che deve fronteggiare le crescenti esigenze operative con disagi e tensioni che lo privano della necessaria tranquillità per svolgere i propri compiti».

CGIL BILLB TESSERAMENTO 01 – 10 03 24
CONSAR BILLB 01 – 10 03 24
CONAD INSTAGRAM BILLB 01 01 – 31 12 24