«Entro agosto la conferenza dei servizi per riqualificare Adriatica e Classicana»

Annuncio dell’assessore regionale Corsini: primi cantieri entro l’inizio del 2022, in totale investimento dell’Anas di 125 milioni. Verrà eliminato anche il semaforo tra la Romea e via Canalazzo

CavalcaviaespEntro agosto è prevista la convocazione della Conferenza dei servizi per il via libera ai progetti definitivi dei lavori per l’allargamento delle statali Adriatica e Classicana a Ravenna. L’apertura dei primi cantieri tra la fine del 2021 o al massimo all’inizio del 2022. L’annuncio è stato dato questa mattina, 31 luglio, dall’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Andrea Corsini, nel corso di una videoconferenza stampa alla quale hanno inoltre partecipato il sindaco di Ravenna e presidente della Provincia, Michele de Pascale, e il responsabile Anas per l’Emilia-Romagna, Aldo Castellari.

Un investimento da parte di Anas di oltre 125 milioni di euro per la riqualificazione e il miglioramento della sicurezza di due arterie strategiche attorno alla città: la tangenziale a partire dal cosiddetto incrocio quadrifoglio con la statale 309 Romea e la statale 67 Ravegnana nel tratto che va da Classe al porto.

Per l’allargamento e la messa in sicurezza della tangenziale e altri interventi minori sulla Romea Anas ha previsto nel contratto di programma 2016-2020 uno stanziamento complessivo di oltre 81 milioni di euro.

Ammonta invece a 44 milioni di euro il costo totale degli interventi in programma sulla Ravegnana; costo comprensivo dell’onere per l’allargamento del ponte sui Fiumi Uniti, di cui 20 milioni di euro già finanziati attraverso il Fondo sviluppo e coesione. Una tranche di risorse, quest’ultima, che consentirà di partire con un primo stralcio dei lavori.

I lavori sulla tangenziale

Per quanto riguarda la statale 16 Adriatica, nel tratto meglio noto come “tangenziale di Ravenna”, Anas ha previsto l’allargamento della sede stradale con due corsie per senso di marcia, la sistemazione degli svincoli e la razionalizzazione degli accessi nel tratto di circa 6 chilometri compreso tra il km 148+800 e l’innesto della statale 3 bis (E45).

Su una prima parte del progetto, per un costo di 48 milioni di euro, si è concluso lo screening ambientale di competenza del Ministero della transizione ecologica ed entro il mese di agosto sarà convocata la Conferenza dei servizi per l’approvazione del progetto definitivo e l’avvio delle procedure di esproprio.

Il primo stralcio di lavori, stando al cronoprogramma di Anas, dovrebbe decollare tra fine 2021 e inizio 2022. L’investimento per l’adeguamento e l’allargamento delle opere d’arte maggiori della statale 16 vale complessivamente 69 milioni di euro.

Con il finanziamento di ulteriori 12,35 milioni di euro sarà inoltre realizzato sulla statale 309 dir un primo stralcio di lavori, tra cui l’eliminazione dell’incrocio semaforizzato con via Canalazzo, nonché la razionalizzazione di una parte degli accessi esistenti.

ClassicanaI lavori sulla Classicana

Per la risistemazione della Classicana (ufficialmente nominata Ravegnana come proseguimento del collegamento con Forlì) servirebbero complessivamente 44 milioni di euro, a fronte dei 20 milioni di euro attualmente disponibili, a valere sul Fondo sviluppo e coesione 2014-2020.

Il tratto interessato dal progetto di riqualificazione è di 5 km dallo svincolo di innesto con la statale Adriatica nei pressi di Classe verso il porto. Questo progetto ha un importo di 27 milioni di euro e non comprende il viadotto sui Fiumi Uniti.  Anche questo intervento ha già superato a pieni voti l’esame di compatibilità ambientale. La Conferenza dei servizi si riunirà entro fine agosto per l’approvazione del progetto definitivo e un primo stralcio di lavori, di importo pari al finanziamento già disponibile, cioè 20 milioni di euro, sarà avviato entro la fine dell’anno. Per completare il progetto, con l’allargamento del ponte sui Fiumi Uniti si stima un ulteriore fabbisogno finanziario di 17 milioni di euro.

Il tratto in corrispondenza del porto di Ravenna invece sarà a carico dell’Autorità portuale, nell’ambito del piano di potenziamento dell’hub.

Lo studio di fattibilità

Infine, per completare il quadro degli opere viarie nel ravennate, va ricordato che nel dicembre 2020 Anas ha stipulato una convenzione con la Regione, il Comune e la Provincia di Ravenna per la realizzazione di uno studio di fattibilità tecnico-economica dei lavori di adeguamento del tratto della strada statale 16 Adriatica tra lo svincolo con la statale 67 “Tosco Romagnola” e lo svincolo con la  3 bis (E45) “Tiberina”. I lavori prevedono l’allargamento della sede stradale, l’adeguamento degli svincoli e di due viadotti e la razionalizzazione degli accessi. Il costo del progetto, affidato alla provincia di Ravenna, ammonta a 55mila euro, finanziati quasi interamente dalla Regione.

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
IDROZETA BILLB TOP 11 06 – 30 09 21
CONAD LIBRI SCUOLA BILLB 01 – 30 09 21