Al gastronomo ravennate Franco Chiarini la “Marietta” ad honorem di Casa Artusi

 

Franco Chiarini

Franco Chiarini.

Il gastronomo ravennate Franco Chiarini quest’estate si può gustare con soddisfazione la sua “Marietta”, un premio ad hononorem, che gli sarà conferito nella serata di oggi, 2 agosto, da Casa Artusi e dal Comune di Forlimpopoli – nell’ambito delle Feste e di altre premiazioni Artusiane – in virtù della sua esperienza, per l’appunto, nel campo della ricerca e della promozione dell’enogastronomia di qualità.

Un premio meritato, visti i 35 anni di impegno di Franco Chiarini in questo mondo sempre più ambito e alla moda, che ha iniziato ad appassionarlo e ad esplorare – in tempi non sospetti – e sempre con accuratezza, curiosità, giovialità,
E un riconoscimento probabilmente apprezzato dal premiato visto che è conferito in nome di uno dei suoi numi tutelari, quel Pellegrino Artusi (l’altro è Guerinni/Stecchetti, vedi foto) che fra Ottocento e Novecento è stato pioniere della moderna concezione della gastronomia regionale italiana, popolare peraltro, con il suo monumentale La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene. In verità, conferito in nome della “Marietta” che, per chi non lo sapesse, era comunque la stimata governante e cuoca sperimentatrice delle ricette raccolte e testate dall’Artusi, e oggi definisce anche l’associazione della azdore sfogline di Forlimpopoli, legate alla tradizione della cucina domestica.

Nella motivazione ufficiale del Comune e di Casa Artusi, Franco Chiarini sarà premiato «per le molteplici attività riconducibili ad una visione avanzata e moderna di promozione della cultura del cibo».
Molteplici attività che secondo la biografia “passionale” di Chiarini partono nel 1986 dove lo troviamo a Barolo, fra i soci fondatori di ArciGola poi divenuta Slow Food. Poi lo ritracciamo in seguito diventare sommelier Ais, degustatore di oli, progettista con lo chef Silverio Cineri del “Quartiere del Gusto”- Il Mirasole del Comune di Bologna, fondatore e segretario di “Menù Associati” (Associazione Internazionale di Menù Storici) promotrice di mostre e pubblicazioni nazionali e internazionali sul tema, vicedelegato dell’Accademia Italiana della Cucina di Ravenna e componente centro studi della Romagna con varie pubblicazione prodotte, promotore e fondatore di progetti come “La strada del pesce” e “DiPorto inPorto” sulle eccellenze ittiche dell’Alto Adriatico e iin anni recenti promotore, fondatore e segretario di CheftoChef emiliaromagnacuochi assieme a ristoratori innovatori come Massimo Bottura, Igles Corelli e Paolo Teverini. Fino ad arrivare a “Ravenna Food” che di CheftoChef è l’emanazione ravennate.

A Franco, che spesso ha scelto le nostre pagine per pubblicare alcuni suoi illuminati interventi sul “gusto”, come redazione esprimiamo le più piacevoli congratulazioni. Prosit!

ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21