Parlamentarie M5s, lo sfogo di un escluso: «Non so perché, avevo i requisiti»

Il 54enne Fabrizio Martelli, attivista da undici anni, ha vissuto anche il caos per le amministrative del 2016 a Ravenna quando venne tolto il simbolo. L’amarezza per aver trovato tra i votabili nomi di persone che infrangono il regolamento: «Voterò lo stesso M5s ma il sistema va perfezionato»

13516262 10208738504494050 3450141770408559789 NCon un post su Facebook l’ultimo giorno del 2017 aveva annunciato la sua volontà di partecipare alle Parlamentarie grilline ma quando ieri, 16 gennaio, è riuscito ad accedere alla piattaforma online riservata agli iscritti per esperimere le tre preferenze, il ravennate Fabrizio Martelli non ha trovato il suo nome tra i votabili (24 in tutto i ravennati). L’amarezza non è poca, soprattutto perché Martelli non sa il motivo dell’esclusione: «Dopo aver dato la disponibilità e avendo ricevuto l’acquisizione della candidatura, ho mandato i documenti richiesti, ovviamente immacolati e conformi ad ogni riga del regolamento. Mi aspettavo di essere nella lista dei candidabili e di poter affrontare le votazioni online e il giudizio numerico degli attivisti certificati. Invece il mio nome non c’era, senza nessuna spiegazione da parte di alcuno. Cosa possa essere accaduto nella scrematura delle candidature sinceramente non lo so». Le richieste di chiarimenti ai responsabili delle parlamentarie a livello provinciale e regionale sono rimaste senza risposta.

Martelli allora ha preso tastiera e monitor e ha scritto una lettera aperta a Beppe Grillo, Davide Casaleggio e Luigi Di Maio firmandosi “Un semplice attivista di Ravenna”: «In nome del rispetto del regolamento e della chiarezza, credo sia legittimo conoscere i motivi che hanno determinato la mia esclusione e questi solo voi me li potete dire. Non sono certo ora qui a chiedere l’annullamento del voto, il rifacimento delle votazioni o la mia presenza in un’altra eventuale votazione. Vorrei solo che questo errore enorme, perchè è indubbio che di questo di tratta, serva a evitarne in futuro ed a fare crescere il movimento. Accetto, con profondo rammarico questa situazione che non è recuperabile né modificabile, ma spero solo che chi verrà eletto sia meritevole e possa fare veramente la differenza in Parlamento. Continuerò a votare Movimento, perchè il resto è solo fuffa, partiti zombie di loro stessi».

L’amarezza è diventata un vero e proprio mal di pancia quando Martelli ha trovato nell’elenco dei votabili del collegio del senato di Ravenna «due persone che si sono candidate per una lista diversa dall’M5s alle elezioni provinciali del 2011 e invece uno dei requisiti del regolamento lo impedisce. La presenza di queste due persone lede, alla base, la correttezza e la trasparenza della votazione togliendo voti agli altri candidati in regola. Sono pienamente d’accordo con chi incita alla “epurazione” dei candidati, di chi non ha i requisiti, di chi cerca di inflitrarsi…».

Il 54enne ha attraversato praticamente tutta la vita del movimento grillino e grande sostenitore della filosofia del “uno vale uno”: «Attivista dal 2007, dalla prima raccolta firme, i banchetti al freddo, sotto zero e con la pioggia. Posso dunque affermare, senza ombra di dubbio che il percorso del Movimento, in qualunque suo aspetto, io l’appia percorso appieno, arrivando, non senza difficoltà alle Parlamentarie 2018». Undici anni di attivismo in cui già non erano mancati i rospi da ingoiare: «La mia amarezza più grande? Sicuramente la mancata possibilità di vincere le elezioni amministrative a Ravenna nel 2016; avevamo le carte e i numeri per poter vincere. Avevamo un programma costruito con fatica e impegno, duro lavoro che capitola nella presentazione di una seconda lista che, lungi dal percorrere strade di partecipazione ufficiali e trasparenti, decide di cancellare, con la sua condotta, il Movimento 5 Stelle di Ravenna».

ACCADEMIA DEL MUSICAL BILLB 17 09 – 04 10 20
CONSAR HOME BILLB 08 – 30 09 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 09 20
REGIONE ER SCUOLA SICURA LEADERB BOTTOM 14 – 30 09 20