Cannabis terapeutica, M5s in Regione: «Emilia-Romagna avvii produzione autonoma»

La consigliera Piccinini chiede alla giunta di arrivare al decreto del ministero per produrre cannabinoidi in modo da evitare la mancanza di farmaci per le terapie del dolore

La capogruppo del Movimento 5 Stelle nel consiglio regionale dell’Emilia-Romagna, Silvia Piccinini, ha proposto che la Regione avvii una produzione autonoma di cannabis terapeutica.

«L’Emilia-Romagna ha da anni una propria normativa in materia, la legge regionale numero 11 del luglio 2014, n. 11, che individua le disposizioni per l’erogazione di farmaci a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche nell’ambito del servizio sanitario regionale – spiega Piccinini –. Nonostante ciò da tempo ormai continuano ad arrivare diverse segnalazioni sulla difficoltà di molti pazienti a reperire in maniera continuativa ed ottimale la quantità necessaria di questi farmaci per portare a termine le terapie in modo ottimale, causando così non pochi disagi a chi utilizza questi prodotti per curare o alleviare il dolore causato da malattie croniche».

A questo proposito la normativa nazionale di riferimento parla chiaro: qualora risulti necessaria la coltivazione di ulteriori quote di cannabis, oltre quelle coltivate dallo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, possono essere autorizzati (proprio con decreto del Ministro della Salute) uno o più enti alla coltivazione nonché alla trasformazione della cannabis a scopo terapeutico. «Crediamo che l’Emilia-Romagna abbia tutte le carte in regole per chiedere e ottenere questa autorizzazione – aggiunge Silvia Piccinini – Per questo vogliamo invitare la Giunta ad avviare al più presto un confronto diretto con il Ministero della Salute in modo che chi oggi nella nostra regione non riesce a curarsi con continuità possa in futuro contare sulla disponibilità certa di questi farmaci».

ORIGINAL PARQUET BILLB MID1 FISSO 13 – 19 04 21
RAVENNANTICA MOSTRE TAMO BILLB TOP 08 04 – 30 06 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 30 04 21