Articolo Uno e Sinistra per Ravenna chiedono un protocollo di tutela per i rider

La proposta di un documento fra Comune e sindacati per i fattorini che consegnano cibo a domicilio. Due anni fa l’assessorato alle Politiche giovanili promosse uno spettacolo teatrale sul tema. L’assessora ci disse: «Sulla gig economy so che siamo indietro, ma questo potrebbe essere un primo passo per aprire un dibattito pubblico»

Page Deliveroo Photo Jason SouthUn protocollo d’intesa tra Comune e sindacati per la promozione di occupazione regolare nel settore del consegne a domicilio di cibo fatte dai fattorini, il cosiddetto food delivery svolto dai rider. È la richiesta di Articolo Uno e Sinistra per Ravenna al Comune di Ravenna e si impegnano ad assumere iniziative in tal senso in consiglio comunale.

La proposta delle due forze politiche arriva a un mese dalla sentenza della Corte di Cassazione che ha inquadrato come lavoro subordinato tutte le volte in cui la prestazione del collaboratore abbia carattere esclusivamente personale e sia svolta in maniera continuativa nel tempo e le modalità di esecuzione della prestazione, anche in relazione ai tempi e al luogo di lavoro, siano organizzate dal committente. «Ora si tratta di operare in ogni territorio, anche mediante accordi fra istituzioni, organizzazioni sindacali e forze imprenditoriali e con adeguati controlli da parte degli organi competenti, per applicare ovunque i principi della sentenza e assicurare una adeguata tutela del lavoro dei riders nei termini previsti dagli accordi con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative». A Modena un protocollo è stato sottoscritto.

R&D si è occupato della situazione rider in provincia di Ravenna di recente: nel numero del settimanale uscito il 28 gennaio (qui potete sfogliarlo) abbiamo intervistato un fattorino, diversi ristoratori e alcuni sindacalisti. Ma avevamo trattato l’argomento già nel 2019. In quell’occasione raccogliemmo le parole di Valentina Morigi, assessora alle Politiche giovanili e esponente di Sinistra per Ravenna: «Ci muoviamo in diverse reti con altri enti locali per occuparci di creatività, ma anche di vulnerabilità giovanile che possono riguardare l’occupabilità, la mobilità verso l’estero, nuove forme di lavoro. Ci è capitato di ragionare su questo tema (rider, ndr) con il collega di Bologna, che stava lavorando alla Carta sui rider. Mi è sembrato un punto di partenza ambizioso e interessante su un fenomeno che dietro una facciata “smart” e “cool” nasconde bolle in cui i diritti sono sospesi e che quindi intreccia il tema della legalità, per cui erano destinati i fondi regionali, perché per noi la diffusione di una cultura della legalità passa dalla diffusione di diritti. Immagino un confronto con i sindacati e le associazioni datoriali. In questo comune si è arrivato a stilare un protocollo sugli appalti pubblici dopo un percorso condiviso. Sulla gig economy so che siamo indietro, ma questo potrebbe essere un primo passo per aprire un dibattito pubblico».

CONSAR BILLB 20 – 30 04 21 om
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 30 04 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 01 – 30 04 21