Fellini Museum: 109 disegni autografi e 7 cartoline si aggiungono alla raccolta

Le opere provengono dal fondo di Liliana Betti, che affiancò il regista sul set

Disegni Fellini 2Il fondo Betti di disegni autografi di Federico Fellini si aggiunge alla raccolta del museo riminese dedicato al regista: 109 disegni e 7 cartoline postali, che comprendono il periodo dalla metà degli anni Sessanta fino al film La città delle donne.

Una trentina di disegni sono caricature della stessa Betti, illustre scrittrice adrense e una fra le più importanti figure del cinema italiano del Novecento, e diversi sono i ritratti di collaboratori e bozzetti di personaggi per film, notevoli quelli per Il Casanova, La città delle donne e I clowns.

Liliana Betti collaborò per diversi anni con Fellini, affiancandolo sul set, come segretaria di produzione e poi come assistente alla regia.

Dieci anni dopo la scomparsa della Betti, venne allestita, al Teatro dei Filodrammatici di Milano, una mostra con un centinaio di disegni inediti di Federico Fellini provenienti dal fondo personale della scrittrice.

Nel 2020 sulla richiesta di esportazione di questo fondo, il Ministero della Cultura ha costituito il Fellini Museum di Rimini ed oggi grazie all’approvazione da parte della Giunta si perfeziona la convenzione di deposito con la Direzione regionale Musei Emilia-Romagna.

«L’acquisizione da parte del Ministero della Cultura di questo fondo e la sua successiva consegna al Fellini Museum – commenta Giorgio Cozzolino, direttore regionale musei Emilia-Romagna, – è un atto dovuto alla città di Rimini che ha dato i natali ad uno dei più grandi registi della storia del cinema e che grazie alla realizzazione di un museo a lui dedicato mantiene viva la memoria del grande Maestro».

CGIL BILLB REFERENDUM 20 – 26 06 24
CONAD INSTAGRAM BILLB 01 01 – 31 12 24