Dal cinema a Coltrane, per l’Artusi Jazz di Forlimpopoli

1200px Roberto Gatto

Il batterista Roberto Gatto

Tra i protagonisti Beppe Scardino, Michele Rabbia, Roberto Gatto e Flavio Boltro

Il 28 giugno alle 21.45 sarà un omaggio alle colonne sonore del grande cinema italiano a inaugurare l’Artusi Jaff Festival, in programma per quattro giorni consecutivi fino all’1 luglio, a Forlimpopoli. Sul palco per l’appuntamento inaugurale quattro tra i più interessanti jazzisti italiani riunitisi per il progetto Cinema Italia: il saxofonista Rosario Giuliani, il fisarmonicista Luciano Biondini, il contrabbassista Enzo Pietropaoli e il batterista Michele Rabbia.

Il giorno successivo (sempre alle 21.45 all’arena di Forlimpopoli) altro quartetto, che invece proporrà composizioni originali che vanno anche oltre il jazz con il progetto Mighty Q: sul palco il sassofonista Beppe Scardino, figura centrale del jazz più creativo (e che vanta collaborazioni anche in altri ambiti con Virginiana Miller, il cantautore Bobo Rodelli, il cantante John De Leo; il gruppo C’Mon Tigre); il vibrafonista Pasquale Mirra; Glauco Benedetti con il suo susafono e il batterista Marco Frattini. Lo stesso Frattini farà parte dell’organ trio del sassofonista Simone La Maida il giorno dopo, 30 giugno, alle 20 alla pasticceria Mancini, in attesa del grande concerto delle 22 all’arena, un insolito omaggio a Coltrane a opera di  un trio rhythm’n’blues con Francesco Bearzatti che fa dialogare il suo sax tenore e il suo clarinetto con l’organo Hammond dell’eclettico Emmanuel Bex e la batteria di Roberto Gatto.

FAMILA – HOME MRT2 17 – 23 10 19

Il festival termina in luglio, sabato 1, con una produzione originale che vedrà sul palco Dado Moroni (piano), Flavio Boltro (tromba), Max Ionata (sax), Rosario Bonaccorso (contrabbasso) e Nicola Angelucci (batteria).

DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19