Ravenna contro le mafie. Progetti a scuola per creare una coscienza della legalità

Laboratori, incontri con vittime della criminalità organizzata, spettacoli teatrali. Coinvolti ottocento ragazzi delle scuole medie e superiori

AttachmentFare esperienza di legalità, giustizia e democrazia per «creare anticorpi nella società civile, in particolare nelle giovani generazioni», come riassume in una nota il Comune. Questo, da dieci anni, l’obiettivo principale del progetto “Ravenna contro le mafie” che in questo anno scolastico ha coinvolto 800 ragazzi delle scuole medie e superiori in alcune attività: lavori di gruppo, incontri con i testimoni che hanno portato la loro esperienza diretta nell’ambito della lotta alla criminalità e laboratori teatrali. Il 21 marzo è  la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie ideata da Libera.

Aperto alla città sarà lo spettacolo “Shakespeare si scrive con l’H?” con il quale venti ragazzi incontrano il drammaturgo inglese per parlare di mafie. Andrà in scena al Teatro Rasi lunedì 26 marzo alle 10 dedicato alle scuole e giovedì 29 marzo alle 21 aperto gratuitamente alla cittadinanza. Lo spettacolo, il cui testo è realizzato e interpretato da studenti e studentesse del Liceo Classico Dante Alighieri, della Scuola Arti e Mestieri Angelo Pescarini, del Liceo Artistico Nervi Severini, è prodotto dal Comune di Ravenna, con la regia di Eugenio Sideri e Carlo Garavini e la collaborazione del Gruppo dello Zuccherificio.

Il programma di attività del progetto “Ravenna contro le mafie” è organizzato dagli assessorati alla Pubblica istruzione e alle Politiche giovanili, in collaborazione con Libera Ravenna, Associazione Pereira, SOS Impresa e il contributo di Coop Alleanza 3.0 e Camst.

CONSAR HOME BILLB 08 – 30 09 20
ACCADEMIA DEL MUSICAL BILLB 17 09 – 04 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 09 20
REGIONE ER SCUOLA SICURA LEADERB BOTTOM 14 – 30 09 20
COFARI HOME LEAD MID 21 – 30 09 20